Otto università italiane nella classifica degli atenei più cooperativi al mondo

Classifica di U-Multirank, giunta all’ottava edizione, che ha introdotto quest’anno un indice per valutare il grado di cooperazione di circa duemila istituti di istruzione superiore in 96 paesi.

Cagliari, Cassino, Ferrara, Torino, Tor Vergata, Bicocca di Milano, Humanitas University e Napoli Parthenope: sono queste le otto università italiane quelle di a figurare tra gli istituti di istruzione superiore più cooperativi al mondo. A sancirlo è il rapporto di di U-Multirank, giunto all’ottava edizione, che ha introdotto quest’anno un indice per valutare il grado di cooperazione di circa duemila istituti di istruzione superiore in 96 paesi.


L’indice, misurato sulla base di sette indicatori – partenariati strategici, diplomi internazionali congiunti, stage, co-pubblicazioni internazionali, co-pubblicazioni con partner industriali, co-pubblicazioni regionali e co-brevetti con l’industria – vede le università europee collaborare di più rispetto a quelli di altre aree. 


In generale, delle 83 università italiane analizzate dall’U-Multirank, promosso dalla Commissione Ue e co-finanziato da Erasmus+, le cinque più performanti sono l’Università Bocconi, seguita da Humanitas University, Scuola Superiore Sant’Anna, IMT Scuola Superiore di Studi Superiori Lucca e Politecnico di Milano. Questi top performer hanno un profilo specifico. L’Università Bocconi si distingue per l’orientamento internazionale, l’Imt School for Advanced Studies Lucca per la ricerca e il Politecnico di Milano per il trasferimento di conoscenze.


Quattro università italiane, inoltre, sono tra le prime 25 nelle co-pubblicazioni con partner Industriali (università della Basilicata, Università di Cassino e Lazio meridionale, Università di Napoli Parthenope e Università della Tuscia), mentre l’università Guglielmo Marconi figura tra i top 25 nelle pubblicazioni internazionali congiunte, in quelle regionali congiunte e in quelle ad accesso libero. 

Total
55
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, si sbloccano i concorsi annuali: previste prove semplificate

Next Article

La Ministra Cartabia all'UniPg il progetto "Giovani per la Giustizia"

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale