Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre: il dato arriva da una ricerca effettuata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti. Il sottosegretario Sileri: “Sulle quarantene aspettiamo il Cts”.

Indossarla, soprattutto per i più piccoli, può essere molto fastidioso ma una cosa sembra essere certa: la mascherina a scuola limita la diffusione del Sars-Cov-2. Ci sono infatti meno casi pediatrici di coronavirus e meno focolai scolastici dove è il dispositivo di protezione personale è obbligatorio. Tanto che le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre. A dimostrarlo sono tre studi pubblicati dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti nella sezione “Morbidity and Mortality Weekly Report” del portale online.

La pandemia ha già messo a dura prova il nuovo anno scolastico negli USA, dove molte scuole stanno affrontando quarantene e carenze del personale. E più di 900.000 studenti in 44 stati sono stati interessati dalle chiusure della loro scuola tra il 1 agosto e la metà di settembre.

Il CDC ha esaminato i dati del 17% delle contee degli Stati Uniti e ha scoperto che, in media, i casi pediatrici sono aumentati dopo la riapertura delle scuole. Ma le contee senza requisiti di maschera hanno visto aumenti gli maggiori: circa 18 casi ogni 100.000 in più. Uno degli studi condotto su scuole dell’Arizona mostravano, inoltre, che vi erano 3,5 volte più probabilità di avere focolai di Covid-19 nelle scuole che non avevano l’obbligo della mascherina rispetto a dove richiesta. Dati che portato i Cdc a concludere che “i requisiti delle mascherine scolastiche, insieme ad altre strategie di prevenzione, inclusa la vaccinazione, sono fondamentali per ridurre la diffusione di Covid-19 nelle scuole”.

Intanto sulla durata delle quarantene e la loro applicazione non sembra esserci una indicazione univoca da parte delle autorità italiane. “Aspettiamo cosa dirà il Comitato tecnico scientifico, ma anche qui il buonsenso legato alla vaccinazione, e all’opera di screening nelle classi sotto i 12 anni anche con i test salivari, dovrà limitare le quarantene per le classi” ha detto oggi il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, intervenendo a 24 Mattino su Radio 24. “Molto dipenderà dal tipo di classe e da quella che è la possibilità di contatto: nelle classi più piccole è più facile che si verifichi un contatto e quindi è più difficile poter gestire delle quarantene ristrette. Mentre nelle classi in cui ci sono soggetti un po’ più grandi è chiaro che è tutto più semplice perché i contatti sono più limitati” ha concluso il sottosegretario. 

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vela, Uni Trieste sul podio della 1001VELAcup

Next Article

Università in presenza? Il ministro Messa è chiaro: "Solo con una percentuale attorno all'87% di vaccinati"

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"