Università, ripresa delle lezioni ma cambiano i ritmi: ipotesi classi estive

Università, ripresa delle lezioni ma cambiano i ritmi. La Bocconi inizia ad aprire il campus. La proposta di Morzenti: classi fino a metà giugno

Università, ripresa delle lezioni ma cambiano i ritmi. La Bocconi inizia ad aprire il campus. La proposta di Morzenti: classi fino a metà giugno

Hanno subito occupato gli spazi riaperti e i campus sono di nuovo abitati. Gli studenti sono in biblioteche e aule studio, si incontrano in chiostri e cortili. Dalla sala Crociera della Statale al Patio di architettura al Politecnico, entrando nelle università l’impatto adesso è diverso. E tra febbraio e marzo riprendono anche le lezioni, ancora sospese per questione di calendario, siamo nella pausa prima del secondo semestre.

Negli atenei si sta valutando come ripartire, come dosare ingressi e presenze. Intanto c’è la proposta di prolungare il nuovo semestre, con le lezioni spalmate almeno fino a metà giugno e gli esami che slittano a fine mese. Ne discuteranno i rettori delle università lombarde al tavolo Crul l’ 8 febbraio. «Valuteremo quali formule adottare, la modalità sarà ancora mista come ad ottobre, quando siamo ripartiti, anche se per poche settimane, fino al Dpcm di inizio novembre. Anche questo rientro sarà progressivo e resta la necessità del distanziamento, da noi non più di 50 studenti in aule con duecento posti — spiega il presidente Remo Morzenti Pellegrini — E lunedì inviterò i rettori ad allungare il semestre fino a giugno compreso, per permettere agli studenti di acquisire i crediti e per riuscire a portare in aula tutte le matricole, almeno per aprile».

A Milano lezioni non prima delle 10, come stabilito al tavolo del prefetto nel patto «Milano per la scuola» di fine dicembre. E il via ai corsi già da questa settimana. Tornano in aula per primi, giovedì, gli studenti della Bocconi: «I corsi riprendono con formato ibrido e classi in presenza al 50%», spiegano in ateneo. Lunedì prossimo ripartono anche alla Iulm, sempre in modalità mista: «Parte delle lezioni sono in presenza, con prenotazione, e tutte sono in streaming. E precedenza alle matricole». Al Politecnico il nuovo semestre inizia il 22 febbraio: «Si riparte come ad ottobre, modalità blended». Riprendono dal primo marzo i corsi della Statale: «E se la Lombardia sarà ancora in zona gialla si potrà anche superare il 50% delle presenze», spiegano in ateneo. Stesso calendario per Bicocca, il via fra un mese: «Per le matricole lezioni in presenza, a rotazione. E compatibilmente con la situazione sanitaria l’ateneo già da aprile, dopo la pausa pasquale, potrà decidere di allargare la presenza in aula anche agli studenti degli anni successivi».

Da oggi intanto anche Bicocca riapre spazi nel campus, gli studenti possono tornare a studiare in università prenotando il posto tramite app nelle biblioteche della sede centrale, a Scienze, a Medicina e nelle aule studio.

corriere

Leggi anche:

Contributo di laurea: ok alla detrazione anche nelle università private

Università di Pisa, tre progetti di ricerca ottengono il finanziamento ministeriale

Ricerca Covid, Statale di Milano è la prima università in Europa e la quarta al mondo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lotteria degli scontrini: come funziona, premi ed estrazioni

Next Article

Banca d’Italia: concorsi per 105 assunzioni

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.