La Pontificia apre con la Gelmini

pontificia.gifMercoledì 29 ottobre – giorno in cui è prevista la votazione definitiva sul discusso decreto 137 che porta il suo nome – il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Mariastella Gelmini sarà presente all’inaugurazione dell’anno accademico della Pontificia Università Lateranense. Anzi: ne sarà l’ospite d’onore. Una presenza che non passerà di certo inosservata, vista la concomitanza degli eventi e il clamore mediatico di queste settimane intorno al mondo della Scuola e dell’Università.
Alla cerimonia presso l’ateneo privato vaticano, inoltre, parteciperà per la prima volta il cardinale Augusto Vallini, nominato da Benedetto XVI, il 27 giugno scorso, Gran Cancelliere dell’Ateneo, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma e Pro Arciprete della Papale Arcibasilica Lateranense.
«Come di consueto l’Atto Accademico – riferisce in una nota la Pontificia – si terrà nell’Aula Magna ‘Benedetto XVI’ e sarà aperto dal Canto del Veni Creator. Seguiranno i saluti del Gran Cancelliere, la prolusione del Rettore Magnifico, monsignore Rino Fisichella e l’intervento del ministro Gelmini».
Gli unici contesti accademici in cui il numero uno di Viale Trastevere sembra trovarsi perfettamente a proprio agio – lontano dalle contestazioni studentesche e dalle proteste di piazza – sembrano essere gli atenei privati di matrice cattolica. Infatti meno di due settimane fa (il 15 ottobre) la Gelmini aveva preso parte alla cerimonia di apertura dell’anno accademico di un’altra importante realtà del settore: il Campus Bio-Medico di Roma.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Davanti alla legge. Immaginare il Diritto

Next Article

Fashion designer per azienda milanese

Related Posts
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".