Università di Trento e Bologna in collaborazione internazionale contro la depressione

L’Università di Trento e l’Università di Bologna partecipano, assieme ad alcune aziende farmaceutiche multinazionali come Biogen Inc, Janssen Pharmaceutica NV and Merck Sharp and Dohme Corp, a un progetto che contribuirà a definire un nuovo approccio farmacologico al trattamento della depressione.

L’Ateneo di Trento e l’Università di Bologna lavoreranno in squadra con quattro partner industriali come Biogen Inc, Janssen Pharmaceutica NV and Merck Sharp and Dohme Corp. Il progetto contribuirà a definire un nuovo approccio farmacologico per il trattamento della depressione.

È evidente che occorrono nuove terapie per la cura della depressione, poiché quelle disponibili non sono efficaci per molti pazienti e possono avere effetti collaterali debilitanti. Secondo i dati dell’OMS, circa 280 milioni di persone nel mondo soffrono di depressione, un numero che rende la malattia una delle più diffuse a livello globale. Il progetto contribuirà a promuovere lo sviluppo di medicinali per combattere la depressione attraverso lo studio delle cause della malattia: nuovi farmaci che potrebbero migliorare la qualità della vita di milioni di persone.

Total
13
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scatta l'obbligo vaccinale nella scuola. Costarelli: "L'app funziona ma su alcuni aspetti il ministero non chiaro"

Next Article

Se la formazione dei docenti è una cosa seria. Lettera aperta ai ministri Bianchi e Messa.

Related Posts
Leggi di più

L’archivio storico di Milva donato all’università di Bologna. La figlia: “Questo il luogo ideale per conservare la sua arte”

Sottoscritto ieri l'accordo di donazione che concede tutto il materiale artistico appartenuto alla celebre cantante italiana dalle voce inconfondibile e dalla chioma rossa all'Alma Mater. Il rettore Molari: "Ci impegneremo a a valorizzare il lascito e a renderlo fruibile per tutti gli scopi didattici e di ricerca".