Università di Firenze, laurea honoris causa ad Angela Merkel

L’Università di Firenze conferirà la laurea magistrale honoris causa in scienze storiche ad Angela Merkel. Il titolo accademico viene assegnato alla Cancelliera tedesca con la seguente motivazione: «Con lungimiranza e tenacia ha perseguito l’idea di una politica europeista capace di schiudere orizzonti nuovi di reale unificazione del vecchio continente, nella cornice di una globalizzazione che impone oggi un governo transnazionale sui grandi temi dell’avvenire, con particolare enfasi sulla sostenibilità ambientale, economica e sociale.

La laurea honoris causa in Scienze storiche – prosegue il testo – vuol essere segno di gratitudine nei confronti di una perspicace creatrice della storia, immersa nella contemporaneità ma saggiamente proiettata verso i decenni a venire». Il conferimento della laurea honoris causa – che avverrà nell’ambito di un’iniziativa di alta formazione interdisciplinare sulla storia, cultura e cittadinanza europea a cura dell’Ateneo – è programmato per la primavera 2021.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Abusi sui bambini aumentati durante il lockdown. L'associazione di pediatri ACP:Non chiudete le scuole

Next Article

Campania, tra annunci e dietrofront De Luca rischia di danneggiare la scuola

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.