Università a Scampia, oggi i primi 100 studenti. Messa: “Segnale per l’Italia”

La ministra: “Lo stato non può ignorare parte del proprio Paese”. Manfredi: “La città vince sui pregiudizi”

Potrà accogliere oltre 2600 studenti il nuovo complesso dell’Università Federico II di Napoli inaugurato oggi a Scampia. Dove un tempo sorgeva la “Vela H”, tristemente nota per essere stato l’hub criminale della Camorra, prima tra quelle abbattute nel 2020, è stato inaugurato il nuovo polo universitario napoletano. Il progetto partì nel 2006 da un’idea dell’architetto Vittorio Gregotti.

La struttura

Un’aula magna di 520 posti, 33 aule, un parcheggio esterno ed interno da 170 posti macchina, 16 laboratori didattici e altrettanti ambulatori: la nuova sede della facoltà di Medicina della Federico II accoglierà 22 corsi di laurea, tra triennale e magistrale. All’esterno, al centro dell’agorà sarà piantato, nelle prossime ore, un albero d’ulivo, simbolo di rinascita. Nei primi due piani si seguiranno i corsi e si sosterranno gli esami, mentre al terzo piano saranno presenti gli ambulatori e al quarto sia ambulatori che stanze per le degenze. Infine, il quinto piano ospiterà le sale operatorie. La nuova zona universitaria sarà poi circondata di tutte le attività necessarie agli studenti come cartolerie, rilegatorie, copisterie ma anche tavole calde in vista delle pause studio.

L’inaugurazione

Al taglio del nastro presenti il rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Matteo LoritoCristina Messa, ministro dell’università e della Ricerca, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi. Durante la cerimonia, due interventi importanti: quello di Maria Triassi, presidente della scuola di Medicina e Chirurgia che ha presentato le attività formative del complesso universitario, e l’intervento di Giuseppe Longo, direttore generale dell’azienda ospedaliera della Federico II che ha illustrato il contributo che l’azienda ha dato alla realizzazione del progetto. Madrina della giornata, Zeudi Di Palma, studentessa di scienze sociali dell’ateneo napoletano e Miss Italia 2021.

Per quanto riguarda il progetto, l’assessore all’Urbanistica, Laura Lieto spiega: “L’ università sorge sull’area dove un tempo c’era una delle Vele ed è il primo tassello di un progetto ambizioso e complesso. Mentre il primo cittadino, Gaetano Manfredi fa sapere: “Il nostro programma d’investimento su Scampia, significa maggiore qualità quotidiana e quindi manutenzione del verde, manutenzione del parco, la possibilità di migliorare i trasporti in questa parte importante della città. Ma anche le nuove piste ciclabili e il grande piano di restart Scampia con l’abbattimento, la ricostruzione e in alcuni casi la riqualificazione delle vele continuando il percorso che era già stato avviato in passato, rafforzandolo con il grande investimento del Pnrr. È un’ università non a Scampia ma per Scampia, l’obiettivo è anche cambiare la narrazione che, abbiamo subito, di un quartiere che era solamente camorra”.

Leggi anche:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fontana scrive “inpiegato” al posto di “impiegato” per due volte. L'ironia dei social

Next Article

De Luca non bada a spese per portare gli studenti alla sua manifestazione per la pace: 300mila euro per le scuole campane

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".