Unisa, 150mila euro a Spin-off

150mila euro della Camera di Commercio di Salerno per la concessione di contributi a “spin -off”.

La Camera di Commercio di Salerno, nell’ambito delle attività previste dal protocollo di intesa sottoscritto con l’ Università degli Studi di Salerno, ha bandito un concorso per la concessione di contributi a “spin -off” con l’obiettivo di favorire lo sviluppo economico del territorio attraverso il sostegno alla nascita di imprese innovative.

Saranno ammesse a godere dei benefici le società costituite o in via di costituzione, sostenute dall’Ateneo che abbiano elaborato progetti di impresa ad alto contenuto innovativo intendendo per tale la realizzazione di un nuovo prodotto, il miglioramento significativo di un bene materiale o di un servizio, di un processo di produzione, di un metodo di commercializzazione o la realizzazione di un nuovo modello di organizzazione delle attività d’impresa e/o della relazioni con il mercato.

Premi e contributi. Ai primi tre progetti in graduatoria la Camera di Commercio mette a disposizione:
• Primo premio: 5.000,00 euro
• Secondo premio: 3.000,00 euro
• Terzo premio: 2.000,00 euro.

Le risorse complessive disponibili ammontano a 150mila euro e l’importo massimo del contributo riconoscibile a ciascuna iniziativa è pari a 20mila euro.

C’è tempo fino al 30 aprile.

Qui il bando completo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Palermo, tre arresti ad economia. Ed è ancora malauniversità

Next Article

Lavoro. Accenture cerca a Milano, Torino, Roma e Napoli

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".