UE, buco da 4 miliardi: Erasmus di nuovo a rischio

full_erasmus

Cucù. Dall’ultimo vertice Ecofin è arrivata la sorpresa tanto attesa dagli studenti italiani: un nuovo, imminente taglio alle borse di studio per il progetto Erasmus potrebbe concretizzarsi già a partire dall’anno prossimo.

Il vertice dei ministri delle Finanze dell’Unione, infatti, che avrebbe dovuto dare l’ok per la copertura di 11,2 miliardi impegnati in vari programmi, si è trovato con una bella somma in meno. I miliardi stanziati, però, sono solo 7,3 per una serie di capitoli di bilancio, lasciando fuori, soprattutto, quelli relativi alle borse di studio Erasmus.

Ma non finisce qui. A farne le spese potrebbero essere progetti legati alla ricerca, alle nuove imprese. A partire da luglio, così, molti enti europei potrebbero trovarsi già con cospicui vuoti di cassa: gli stessi enti, inoltre, potrebbero essere costretti a interrompere immediatamente tutti i programmi messi in piedi in precedenza.

Nel bilancio dell’Ue 2013, insomma, c’è un buco da 4 miliardi di euro che il Consiglio, almeno per il momento, non sembra intenzionato a ricoprire.

“Il Consiglio deve prendersi le sue responsabilità” – ha dichiarato all’Huffington Post l’eurodeputato Pdl Giovanni La Via. “Siamo di fronte a un atteggiamento inaccettabile. Il rischio è che si metta in pericolo il vitale sostegno alle imprese europee e ai giovani, che sono le nostre priorità per la promozione della crescita nell’Ue”.

Qualcuno parla anche di una dura battaglia interna tra Parlamento e Consiglio europeo. Fatto sta che, a rimetterci, sono sempre i soliti. Nella maggior parte dei casi i giovani.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La conoscenza in pillole: 5 cose curiose che non sai

Next Article

Roma, panico a scuola: bambina colpita da arresto cardiaco

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.