Test Ingresso 2019: le nuove date di Medicina, Architettura e Veterinaria

quest’anno il Miur ha voluto prevedere numerosi cambiamenti, incluso anticipare le iscrizioni al Test di Medicina, Architettura e Veterinaria, i celebri test d’ingresso per il numero chiuso. Tuttavia, a un passo dalla prima data utile per iscriversi, il Ministero ha deciso di cambiare le date delle iscrizioni, riallineandole a quelle degli scorsi anni: le iscrizioni al Test a Medicina e agli corsi ad accesso programmato nazionale 2019 sono slittate da metà giugno al mese di luglio. Volete sapere nei dettagli quali sono le nuove date e perché sono cambiate? Potete consultare qui il nuovo decreto.
Nel bando di Medicina, Architettura e Veterinaria, pubblicato online dal Miur ad aprile, venivano indicate anche le date per iscriversi al test d’ingresso. Avevamo subito notato un’anticipazione dei tempi rispetto agli scorsi, in quanto le date utili per iscriversi erano, per tutti i test andavano dal 17 giugno al 9 luglio 2019. Tuttavia, adesso il Miur ha posticipato tali date, che sono quindi le seguenti:

  • Date Iscrizioni Test Medicina, Veterinaria e Architettura: 3 luglio 2019 fino alle ore 15.00 del 25 luglio 2019.

Il Miur, nel suo comunicato stampa, ribadisce che i candidati potranno iscriversi, esclusivamente on line, tramite il portale www.universitaly.it, Inoltre, “Il perfezionamento dell’iscrizione avverrà a seguito del pagamento del contributo per la partecipazione al test, secondo le procedure indicate dall’Ateneo in cui il candidato sostiene la prova. Tali procedure devono in ogni caso concludersi entro il 30 luglio 2019″.
Il termine del 25 luglio alle ore 15:00 è anche quello per cambiare le eventuali preferenze espresse in fase di iscrizione: “Contestualmente all’iscrizione alla prova, il candidato deve indicare, in ordine di preferenza, le sedi per cui intende concorrere”, scrive il Miur, “Tali preferenze sono irrevocabili e non integrabili dopo le ore 15:00 del 25 luglio 2019. Farà fede in ogni caso l’ultima “conferma” espressa dal candidato entro questo termine”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Qual è stata la pagella di GretaThunberg dopo un anno speso per il clima?

Next Article

Scuola, pubblicati i risultati dell’indagine sull’insegnamento e l’apprendimento OCSE TALIS 2018

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.