Test d’ingresso Medicina: ecco le prime domande

test d'ingresso cultura generale

Test d’ingresso medicina: ecco le prime domande – Chomsky, Hobsbawm, Rita Levi Montalcini, Costituzione Italiana: ecco i protagonisti delle domande di cultura generale del test d’ingresso per Medicina. Sul web, infatti, circola già una foto, diffusa dal portale Skuola.net, che raffigura la pagina del quiz relativa alle domande di cultura generale.

Tra le opzioni di risposta, spunta, anche, u errore: nella domanda n.27 “La definizione del XX secolo come “secolo breve” è di?”, infatti, il nome del famoso storico autore della citazione è stato storpiato (Hobsbawn invece di Hobsbwm).

Intanto cominciano a trapelare le prime indiscrezioni sulla difficoltà delle domande: “difficlissime, quasi impossibili” di chimica, secondo alcuni, “un po’ strane” le domande di Biologia. Tra quest’ultime, in particolare, gli argomenti hanno spaziato dai villi intestinali all’apparato digerente fino alla circolazione arteriosa e venosa. Resistenze, unità di misura, moto accelerato, lavoro e potenza, gli argomenti di Fisica. Ma nel complesso, l’opinione dei ragazzi sembra essere positiva: “A patto di aver studiato – affermano gli intervistati – il test era fattibile”.

A colpire particolarmente i giovani impegnati oggi nei test d’ingresso  medicina, tanto che in molti le hanno riportate ai giornalisti assiepati nei cortili delle Univerità, il quesito sull’ossidazione delle cellule e quello sui tempi della chemioterapia, ma anche uno sulla velocità con cui girano le pale eoliche.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sicurezza scolastica: domani i vincitori del Premio Buone pratiche nella scuola "Vito scafidi"

Next Article

La classifica dei libri più sottolineati dagli italiani

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.