Test d’ingresso: boom di iscritti, ecco i numeri degli atenei italiani

“Quella della partecipazione a tutti i test d’ingresso e’ un’ulteriore opzione che abbiamo voluto concedere agli studenti ancora indecisi proprio per consentire loro una riflessione ancora piu’ ponderata e ‘testata’ sulla scelta del percorso formativo da intraprendere”, spiega il rettore del Suor Orsola Benincasa, Lucio D’Alessandro, che ha presentato un’innovativa politica di tasse universitarie definita “contratto con lo studente”.
Test d’ingresso: ecco la situazione complessiva in numerose università italiane.
NAPOLI. “Quella della partecipazione a tutti i test d’ingresso e’ un’ulteriore opzione che abbiamo voluto concedere agli studenti ancora indecisi proprio per consentire loro una riflessione ancora piu’ ponderata e ‘testata’ sulla scelta del percorso formativo da intraprendere”, spiega il rettore del Suor Orsola Benincasa, Lucio D’Alessandro, che ha presentato un’innovativa politica di tasse universitarie definita “contratto con lo studente”. In pratica, chi superera’ il test d’ingresso verra’ premiato con la possibilita’ di detrarre gia’ dalla prima rata delle tasse per l’immatricolazione il costo sostenuto per la partecipazione al test. In virtu’ del ‘contratto’ inoltre l’Ateneo si impegna a non aumentare le tasse negli anni successivi a un livello piu’ alto di quello pagato nell’anno di immatricolazione.
CATANZARO. All’Universita’ Magna Grecia di Catanzaro 1.817 candidati sosterranno la prova d’ammissione alla facolta’ di medicina e chirurgia il 4 settembre. I posti disponibili sono 160. In 2.650 affronteranno la prova per l’ammissione alle professioni sanitarie. I posti sono 705 cosi’ suddivisi: infermieri (500); ostetrica (40); ortottista e assistente oftalmologica (25); fisioterapista (75); tecniche di laboratorio biomedico (50); tecniche di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare (15). Per l’ammissione alla facolta’ di Biotecnologie, i termini scadono il 13 settembre, per la facolta’ di farmacia c’e’ tempo fino al 14 settembre.
BOLOGNA. Per la prima volta il test si svolgera’ in maniera consorziale tra l’ateneo di Bologna, il Politecnico delle Marche, l’Universita’ di Ferrara e quella di Modena e Reggio Emilia. La graduatoria sara’ quindi unica. Lo studente potra’ effettuare il test in una delle sedi e, a seconda di come si posizionera’, potra’ scegliere l’Ateneo. Stesso sistema, quest’anno, anche il test di medicina veterinaria, che vedra’ consorziati gli atenei di Bologna, Parma, Milano, Padova. Per le professioni sanitarie (medici e odontoiatri esclusi) il test si terra’ l’11 settembre (cira 900 posti per circa 3.800 iscritti). Per coloro che sognano di diventare architetti invece la prova e’ in agenda il 6 settembre. Il 10 settembre tocchera’ a Veterinaria (118 posti per circa 700 candidati). Testa da superare il prossimo mese anche per Economia e Lingue. Hanno gia’ fatto l’esame, invece, gli aspiranti Psicologi (956 iscritti per 300 posti) che hanno archiviato la prova d’accesso il 28 agosto.
TORINO. Sono piu’ di 18mila i prescritti ai corsi di laurea a numero programmato dell’Universita’ di Torino per l’anno accademico 2012/2013. I test di ingresso partiranno domani, lunedi’ 3 settembre, per i diversi corsi di Economia mentre martedi’ tocchera’ agli aspiranti medici sostenere la prova di accesso: 3.246 le domande arrivate, 159 in meno dell’anno scorso, per un totale di 570 posti disponibili nei tre corsi di Medicina e Chirurgia (a Torino e Orbassano) e Odontoiatria. Nei giorni successivi tocchera’ a tutti gli altri: il test per Biotecnologie e’ previsto il 6 settembre mentre il 10 tocchera’ a Veterinaria e Psicologia e l’11 a Fisioterapia, Infermieristica, Ostetricia e altre discipline mediche. Per le facolta’ umanistiche il 13 settembre si svolgera’ il test di ingresso al corso per Assistenti sociali mentre il 14 sara’ la volta di Scienze della Comunicazione. Si chiude il 18 settembre con Scienze Motorie.
PALERMO. Tutti pazzi per Medicina. E’ questa la facolta’ piu’ gettonata dalle aspiranti matricole dell’Universita’ di Palermo. Martedi’ in 3.365 si presenteranno ai test per l’iscrizione sperando di conquistare i 422 posti disponibili. Un vero e proprio boom con un +37% di ‘concorrenti’ per la laurea magistrale e +32% di quelli per le professioni sanitarie, dove i candidati saranno oltre 4mila a fronte dei poco piu’ di 3mila dello scorso anno. In dieci si contenderanno un posto per diventare infermieri o tecnici di laboratorio. Per garantire il regolare svolgimento dell’esame di accesso alla facolta’ in ogni aula ci sara’ un numero ridotto di candidati. A vigilare saranno forze dell’ordine e personale universitario, 250 in tutto tra docenti ed amministrativi. Banditi ovviamente i supporti elettronici, quindi niente telefoni, computer e tablet nelle aule. In totale le aspiranti matricole dell’Universita’ di Palermo sono quasi 23mila per circa 13 mila posti. A loro l’Ateneo offre 123 corsi di studio con 52 lauree e 71 tra lauree magistrali e magistrali a ciclo unico.
ROMA. Si apre domani con psicologia all’universita’ ‘La Sapienza’ di Roma la sessione dei test di ammissione alle facolta’ universitarie a numero chiuso. Quella di psicologia e’ una prova locale, mentre per le altre facolta’ da medicina, test previsto per il 4 settembre, ad architettura (6 settembre), le date sono nazionali. Record di iscrizioni alla prova per accedere a Medicina e chirurgia e odontoiatria, che per ‘La Sapienza’ sono 6.833. In totale quest’anno a cimentarsi con i test saranno 200 studenti in piu’ dello scorso anno. Sono disponibili per medicina e chirurgia 873 posti per i cittadini comunitari e 56 posti per gli extracomunitari, mentre sono 65 i posti per odontoiatria, piu’ altri tre per i cittadini extra Ue. Grande successo anche per il corso di laurea di Medicina in inglese, al suo secondo anno di attivazione. Le iscrizioni rispetto allo scorso anno sono praticamente triplicate: a fronte dei 1.042 iscritti quest’anno lo scorso anno erano arrivate 342 domande. I posti disponibili sono 33 per i cittadini Ue e 10 per gli extra Ue. In totale lo scorso anno si sono iscritti alle prove di accesso alla Sapienza per tutte le facolta’ ben 50mila studenti, hanno effettivamente partecipato ai test 46mila candidati e se ne sono immatricolati circa 30mila. Sono 2.713 le domande presentate per l’ammissione a Tor Vergata a fronte dei 260 posti complessivi (220 per medicina piu’ 40 per odontoiatria). Venti i posti per Medicine and Surgery, il corso di laurea a ciclo unico in inglese al suo primo anno di attivazione e per il quale sono state presentate 288 domande. Il test si terra’ il 5 settembre.
TRIESTE. Esame di ammissione il 4 settembre anche per il corso di laurea triennale in Scienze internazionali e diplomatiche: 264 iscritti per 120 posti. Il corso di laurea magistrale in Scienze internazionali e diplomatiche e’ solo per coloro che non provengono dalla laurea triennale o quadriennale ante riforma in Scienze Internazionali e Diplomatiche conseguita presso l’Universita’ di Trieste, e ha l’esame di ammissione l’11 settembre. Esami di ammissione anche per la laurea triennale in Servizio sociale (17 settembre), per la laurea triennale in Scienze dell’architettura (6 settembre, 129 iscritti numero provvisorio e 100 posti), per il corso di laurea triennale in Scienze e tecniche psicologiche (11 settembre il test, 354 iscritti numero provvisorio e 150 posti). Appuntamento con i test il 7 settembre per la laurea triennale in Chimica, per la laurea triennale in Scienze e tecnologie biologiche, per la laurea triennale in Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura (7 settembre).
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Profumo di concorsi. Il ministro parla dei quiz errati

Next Article

Test d'ingresso, il Codacons a Monti: "Bisogna eliminarli"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"