Test, come si difende l'università

test.bmpNeanche in un campo di battaglia. Braccialetti di riconoscimento, aule schermate e gruppi di controllori mimetizzati tra i candidati: sono moltissime le misure di vigilanza dei test di accesso che prenderanno il via domani.
Il 3 settembre toccherà alla facoltà di Medicina e Chirurgia, il 4 ad Odontoiatria, il 5 sarà la volta degli aspiranti veterinari, l’8 ci sarà il test di Architettura, il 9 professioni sanitarie e il 10 Scienze della Formazione. Per questi corsi esiste un numero di posti predeterminati dal Ministero e le prove d’ingresso sono stabilite su base nazionale, nelle altre facoltà invece sono i singoli atenei a stabilire numeri e date.
Ma dopo il polverone dello scorso anno, con epicentro a Bari (dove proprio in questi giorni è stata arrestata la prima persona dell’indagine), l’intenzione sembra quella di non farla passare liscia a nessuno. A Bologna durante i test i candidati dovranno indossare un braccialetto di riconoscimento oppure cordini al collo. Si farà inoltre estrema attenzione alla scelta della sede: i ragazzi sosterranno il test tutti in un’unica aula, che sarà schermata per evitare che funzionino i cellulari. Stessa precauzione a Bari, dove le buste con le tracce saranno scortate dai carabinieri e guardie giurate vigileranno sul corretto svolgimento delle prove. Alla Sapienza invece si punta ad isolare i candidati: gruppi di 50 studenti svolgeranno i compiti in aule predisposte per 150 persone. Ma se tutto questo basterà potremo dirlo solo tra qualche giorno!

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Centralinisti nel torinese per 6 mesi

Next Article

Venditori di fiori nel Veneto

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".