Tasse universitarie: per il 2016 – 2017 cresce l'importo minimo d'iscrizione

Euro notes and coins with mini graduation cap

Pubblicato dal Miur l’importo minimo delle tasse d’iscrizione all’Università per l’anno accademico 2016 – 2017: la base sotto cui gli atenei non potranno scendere è pari a 201,58 euro, in lieve rialzo rispetto agli anni precedenti.
Sulla base imposta dal ministero, ogni università potrà poi calcolare autonomamente l’importo minimo per l’iscrizione, tenendo conto anche della ripartizione in fasce di reddito e delle agevolazioni per categorie.
L’importo minimo sancito quest’anno dal Miur è in lieve rialzo rispetto allo scorso anno quando si era fermato sotto quota 200 (199,58 euro). Il trend di crescita è costante dall’a.a. 2014 – 2015, quando l’importo minimo per l’iscrizione all’università era stato fissato a 198,39 euro. Dal Ministero chiariscono che l’aumento è stato calcolato sull’incremento dell’inflazione previsto per l’anno corrente.
Un incremento marginale, ma che per gli studenti rappresenta uno dei tanti segnale d’allarme: “La tassa di iscrizione indicata dal ministero è solo una delle tante voci che compongono la tassazione studentesca – spiega Jacopo Dionisio, coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari – L’aumento di questa componente è solo la punta dell’iceberg, e si inserisce in un contesto già estremamente sfavorevole per gli studenti: le tasse universitarie sono aumentate di oltre il 50% negli ultimi dieci anni, e con una tassazione media di oltre 1200 euro siamo saldamente ancorati al terzo posto per le tasse più alte in Europa”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdì 01 aprile

Next Article

Fondazione Etruria, premio di saggio umanistico 2016: montepremi da 200 mila euro

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.