Studenti Unimc pre-occupati dei tagli

Collettivo dell’Università di Macerata si mobilità contro i tagli e l’accordo tra le università di Macerata e Camerino.


Il collettivo universitario dell’ Università di Macerata esprime il suo dissenso nei confronti del Ddl Gelmini  contro i tagli, la precarietà, nella giornata nazionale di mobilitazione di tutti gli atenei italiani.

La protesta è proseguita in centro città con un presidio comunicativo in piazza. L’approccio competitivo che caratterizza la politica aziendale e che sta mano a mano imponendo l’abolizione dei diritti fondamentali del lavoratore sta infiltrandosi anche nel mondo universitario tramite l’inserimento all¹interno del Consiglio d’Amministrazione d’Ateneo di enti privati (previsto dal DDL Gelmini).

Le necessità di bilancio si sono sostituite all’interesse per una politica culturale e formativa manifestandosi in una serie di tagli ingiustificati i quali hanno comportato: una drastica restrizione dell’offerta formativa, il blocco nell’avanzamento delle carriere dei docenti, la riduzione dei finanziamenti alla ricerca e la precarizzazione della figura del ricercatore.

Nel caso specifico dell’Università di Macerata sono stati sospesi i corsi di lingue straniere del Centro linguistico di Ateneo, è stato diminuito l’importo delle borse di studio Erasmus Placement, è stata pesantemente intaccata l¹offerta formativa (su tutto, il caso dell¹interclasse tra le magistrali in Filologia Moderna e Classica).

La preoccupazione maggiore, per il nostro territorio, riguarda però l’accordo di programma tra le Università di Macerata e Camerino, che rischia di provocare un ulteriore ridimensionamento dell’offerta formativa di entrambi gli Atenei, oltre ad una grave riduzione dei servizi.

A partire da oggi, gli studenti e precari del Collettivo Spam avvieranno una serie di iniziative ed interventi in aula, allo scopo di sensibilizzare gli studenti e la cittadinanza, per opporsi all’approvazione del DDL 1905/09, in discussione nei prossimi giorni in Parlamento.

Per saperne di più: collettivospam

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Questione Giovanile

Next Article

Cassino, l’osservatorio antidiscriminatorio

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".