Si conoscono su facebook. Senza mai incontrarsi pubblicano un libro

a un passo da te

“A un passo da te”, è forse la prima impresa editoriale nata sul web dal confronto tra due perfetti sconosciuti che per tre lunghi anni si sono conosciuti, incontrati e misurati su una passione comune, quella per la scrittura.

I due autori del libro edito da Linee Infinite Edizioni sono una blogger ventenne di Lamezia Terme,  Jessica Mastroianni (studentessa di  giurisprudenza all’UNIFE), e Marcello Affuso, napoletano studente di filologia moderna della Federico II, che si sono conosciuti qualche anno fa su facebook. Il libro è stato appena pubblicato e solo alla prima presentazione ufficiale del loro lavoro, i due autori si sono incontrati.

Aldilà del successo del loro lavoro, è sul modo secondo cui è nato che occorre riflettere. Quella dei giovani non è solo una generazione di giovani scanzonati, alla ricerca del tempo perduto, senza obiettivi né ambizioni. Quella di oggi è una generazione fatta anche di ragazzi che sanno tirare fuori cruda superficialità dei tempi, un’esperienza di grade valore. Ragazzi che sanno inseguire sogni, trasformare il mondo virtuale in un mondo reale. I due, esempio e modello per molti, stanno girando per scuole medie ed i licei, per incoraggiare i ragazzi a non arrendersi, a seguire sempre i propri  sogni perché il coraggio li fa avverare.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Ricercatori inventano l'elicottero guidato col pensiero

Next Article

Il cinghiale che scodinzola come un cane al padrone

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.