Sesso in ateneo. Scarcerato il professore Rossitto

preparazione_esami_universitari.jpgCirca un mese fa era salito “agli onori “ dalla cronaca per essere stato il protagonista di un video girato dal programma di Italia Uno le Ienie. Accusato di molestie sessuali verso alcune studentesse e successivamente incastrato dallo stesso video, Elio Rossitto può ora tirare un sospiro di sollievo. Il Tribunale del riesame ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare che disponeva gli arresti domiciliari.
Il 25 novembre scorso l’ordinanza era stata infatti notificata dalla squadra mobile della Questura etnea al professore Elio Rossitto, il docente universitario di Economia nella facoltà di Scienze politiche di Catania denunciato da quattro studentesse che lo avevano accusato di aver chiesto favori sessuali in cambio di un aiuto agli esami, senza ottenerli.
Il reato ipotizzato dal Gip Marina Rizza è di tentativo di concussione. I procuratori aggiunti di Catania Michelangelo Patanè e Marisa Scavo e il sostituto Lina Trovato avevano contestato anche i tentativi di reati sessuali, ma l’ipotesi non è stata condivisa dal Gip. Contro quest’ultima valutazione la Procura ha già presentato ricorso al Tribunale della libertà, che sarà discusso nel prossimo gennaio.
Le indagini erano avviate dopo la denuncia alla Procura di Catania di quattro studentesse che hanno raccontato delle avances e delle richieste sessuali del professore.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ina Assitalia mille assunzioni nel 2010

Next Article

Onore a Kaes il lavoro dell'inconscio

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".