Sannio, secondo mandato per Bencardino

filipobencardino.jpgFilippo Bencardino è stato rieletto con il 73% dei voti rettore dell’Università degli Studi del Sannio il 15 giugno, prima e unica giornata di votazioni. Il restante 26% delle preferenze è andato al professore Domenico Villacci, ordinario di Sistemi elettrici per l’energia. Il professore Bencardino ricoprirà l’incarico per altri quattro anni e si insedierà ufficialmente per il secondo mandato l’1 novembre 2009.
Sono orgoglioso – ha dichiarato il Rettore durante la conferenza stampa – di un risultato che non è frutto di compromessi, né di accordi presenti, passati e futuri.
All’interno della nostro Ateneo c’è una salda maggioranza che si è posta come principale obiettivo quello di interagire con il territorio in funzione di interessi generali. Non è stata una vittoria personale ma quella di un gruppo che si riconosce in un programma”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, la bacchettata dell'Ocse

Next Article

Ingegneria della Sun inaugura nuovi spazi

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".