Scuola in ospedale, il Ministro Bussetti presenta il nuovo Portale

Il ministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca, Marco Bussetti, alla presentazione del corso di laurea in Scienze Gastronomiche Mediterranee promosso dall’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’ alla Reggia di Portici (Napoli), 09 luglio 2018. ANSA/CESARE ABBATE

Oggi, mercoledì 15 maggio, presso la Sala “Aldo Moro” del MIUR, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha presentato il nuovo Portale Nazionale per la Scuola in ospedale e l’Istruzione domiciliare. Uno strumento indispensabile per fornire alle famiglie degli alunni ricoverati, in ospedale o a domicilio, tutte le informazioni sul servizio scolastico e per consentire ai docenti di realizzare le migliori strategie inclusive.

Durante la presentazione il ministro ha fornito informazioni sul servizio scolastico ai familiari degli studenti ricoverati che consentirà ai docenti di attuare migliori strategie inclusive.
 

Gaia è una ex studentessa di Scuola in ospedale, progetto che garantisce la continuità degli studi ai ragazzi ricoverati. Lo scorso anno 68.900 studenti hanno avuto l’opportunità di proseguire la loro formazione in ospedale o a domicilio.
 

“Questi progetti contrastano abbandono e dispersione scolastica. Nessuno deve essere lasciato indietro: l’istruzione è un diritto fondamentale dell’essere umano e la libertà si realizza nella parità di opportunità” così il Ministro su Scuola in ospedale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Presidi scrivono a Mattarella contro le impronte digitali: "Rilievi biometrici incostituzionali"

Next Article

Il 23 maggio oltre 70.000 studenti insieme contro le mafie. Pronta a salpare la Nave della Legalità

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".