Santa Napoli in mostra

“Santa Napoli” la mostra inaugurata presso Galleria del giardino dell’ Accademia di Belle Arti di Napoli.

“Santa Napoli” così si intitola la mostra inaugurata presso l’ Accademia di Belle Arti di Napoli.
“Una mostra che ha lo scopo di mettere insieme la città di Napoli con la spiritualità contemporanea, una spiritualità allargata frutto di contaminazioni, mescolanze, coabitazioni. Non si può parlare solo di cattolicesimo perché vi sono molti altri segnali che arrivano da religiosità diverse” ha spiegato Marco Di Capua, professore di storia dell’arte e curatore della mostra insieme a Valerio Rivosecchi .
Tra contaminazione e conflitto, assimilazione e fanatismo, la città di Napoli offre agli artisti una miriade di spunti, stimoli, riflessioni. La galleria del giardino si è così trasformata in una sorta di cappella multireligiosa definita bastarda proprio per gli incroci tra culti mistici attuali, superstizioni antiche e contemporanee.
Musica, canti, balli, video-proiezioni e giochi, tra una moltitudine di persone, colori e suoni la mostra ha aperto i battenti il 5 marzo.
La galleria del giardino diventi un punto di raccordo di più talenti e docenti che hanno interesse per la conoscenza. Dobbiamo lavorare tutti insieme per creare progetti più entusiasmanti ed energetici possibili” ha sottolineato il Prof. Di Capua.
Nella soddisfazione generale il direttore Giovanna Cassese ha incoraggiato gli artisti: “La centralità dell’Accademia è la produzione. La galleria del giardino deve spingervi a produrre con alta qualità”.
Così l’Accademia si afferma sempre più sul territorio come centro culturale artistico di eccellenza.
Scelta dal Ministero dell’istruzione come sede della sesta edizione del Premio internazionale delle Arti, dimostrerà di saper competere attraverso la vitalità e la creatività della sua produzione artistica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Per una corretta informazione

Next Article

Come UK

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.