Santa Caterina, bando per 16 posti in Collegio e la residenza biomedica

bando per il collegio santa caterina

Bando per entrare in collegio Il Collegio Universitario S. Caterina da Siena bandisce per l’anno accademico 2013-2014 un concorso per almeno 16 posti da conferirsi a studentesse che si iscrivono all’Università di Pavia. Il Collegio, situato nel centro della città vicino alla sede centrale dell’Università, ospita 75 alunne, selezionate per merito e a cui sono richiesti requisiti di alto rendimento negli studi. Sono ospitate in camere singole con servizi individuali, accesso gratuito a internet, cucine comuni, pulizie in camera, assistenza medica gratuita. E’ disponibile un servizio mensa che copre tutti i pasti della giornata. Il Collegio aderisce dal 1997 alla Conferenza dei Collegi universitari riconosciuti dal Ministero dell’Università e della Ricerca e figura tra gli Enti consorziati fondatori dell’Istituto Universitario di Studi Superiori (I.U.S.S.) di Pavia. Il concorso è per titoli e esami. Sono previste borse di studio.
Scadenza bando: 9 settembre 2013.

La Residenza Universitaria Biomedica della Fondazione Collegio Universitario S. Caterina da Siena per l’anno accademico 2013-2014 bandisce 15 posti per studenti e studentesse iscritti a corsi di laurea specialistica, corsi di perfezionamento, master, dottorati, specializzazioni ad indirizzo biomedico. La Residenza, inaugurata nel 2010, sorge in Via Giulotto 12 nel cuore del polo universitario scientifico del Cravino dell’Università di Pavia. Gli studenti sono ospitati in camere singole con servizi, aria condizionata, accesso gratuito a internet e pulizia settimanale. Il bando rimarrà aperto fino ad esaurimento dei posti disponibili.

I bandi sono consultabili sul sito santacaterina.unipv.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Città acchiappacervelli, domani la kermesse a Napoli

Next Article

Bilancio del ministro Carrozza: "Per me inizio difficile"

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale