Salerno – Braga – Amburgo

L’Università di Salerno nell’ambito del Lifelong Learning programme Erasmus ospiterà un gruppo di studenti tedeschi e portoghesi

Dal 3 al 15 maggio l’Università degli Studi di Salerno, nell’ambito del Lifelong Learning programme Erasmus Intensive Programme (IP), ospiterà un gruppo di studenti tedeschi e portoghesi in visita presso il campus.
La Facoltà di Lingue e Letterature straniere e il Dipartimento di Studi linguistici e letterari dell’ateneo salernitano insieme con l’Università do Minho di Braga e l’Università di Amburgo partecipano, infatti, all’IP con il progetto “Mnemografie interculturali: rappresentazioni transmediali del Portogallo, dell’Italia e della Germania a partire dal XIX secolo”, che sarà inaugurato oggi presso la biblioteca del Dipartimento.
A partecipare saranno il Magnifico Rettore Raimondo Pasquino, il Preside della Facoltà di Lingue e Letterature straniere Ileana Pagani, il Vice Presidente della Provincia di Salerno Anna Ferrazzano, il Console Generale della Germania Christian Munch, la direttrice del Goethe Institut di Napoli Maria Carmen Morese e il Presidente dell’Istituto Italiano di Cultura Tedesca ACIT di Avellino Maria Gabriella Sementa.
Il progetto, che ha una dimensione interculturale e multidisciplinare, prevede l’organizzazione di seminari internazionali per creare un network stabile tra le università coinvolte attraverso rappresentazioni culturali e turistiche dell’Italia e del Portogallo nelle opere di scrittori italiani, portoghesi e tedeschi. Durante la permanenza italiana gli studenti avranno modo di conoscere [email protected], la web radio dell’Ateneo che prevede laboratori dedicati alla realizzazione delle interviste sugli atenei di provenienza e sulla registrazione della presentazione in lingua madre dell’ateneo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Architettura alla Sapienza

Next Article

Il Telecomando in aula

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale