Concorso d'idee, un logo per Roma

Un passato millenario da racchiudere in un logo che sintetizzi l’immagine della città, la sua storia, le sue tradizioni, da utilizzare per la promozione culturale e turistica della capitale rafforzando la visibilità e l’identità di Roma a livello nazionale e internazionale.
In collaborazione con la facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza, il Comune di Roma pubblica un bando di concorso “Roma in un’immagine” per la valorizzazione dell’immagine della capitale attraverso la creazione di un logo. Il bando, al quale potrà partecipare chiunque senza limiti di professione, è stato presentato in Campidoglio dal sindaco Gianni Alemanno, dal vice sindaco Mauro Cutrufo e dall’assessore capitolino alla Cultura, Umberto Croppi.
Il vicesindaco con delega al turismo Mauro Cutrufo ha le idee chiare: “Il turista medio ha la necessità di trovare un documento d’identità che prenda forma, un marchio rappresentativo della città”. Un marchio che, secondo il sindaco Gianni Alemanno, dovrà essere pensato anche “attraverso il coinvolgimento popolare”. La partecipazione al bando è infatti aperta alle agenzie, ai professionisti ma anche agli studenti universitari e ai diplomati, senza limiti di età, nei settori del Design, della Comunicazione visiva, delle Belle arti, della Pubblicità. Al vincitore verrà corrisposto un premio di 40mila euro.
Il nuovo logo, come ha spiegato Croppi servirà anche “come marchio per il merchandising specifico sui prodotti venduti a Roma che potranno essere valorizzati da una sorta di bollino”. Le proposte dovranno essere inoltrare all’ex dipartimento XVII in via Tomacelli 146, dal 24 Agosto al 6 ottobre.
Scarica il bando in pdf
Mito della Lupa capitolina

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

20 Borse per un master in Retail Banking

Next Article

Iran, i blogger s'affidano a Twitter

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.