Riforma e nuovi laureati. Facciamo il punto

La riforma universitaria e i nuovi laureati. Il dibattito proposto dall’Asmef, Associazione Sviluppo Mezzogiorno e Futuro e dalla Fondazione Agnelli di Torino.

La riforma universitaria e i nuovi laureati. E’ questo il tema del dibattito proposto per oggi alle ore 10,30 nell’Aula Pessina dell’Università degli Studi di Napoli Federico II dall’Asmef, Associazione Sviluppo Mezzogiorno e Futuro e dalla Fondazione Giovanni Agnelli di Torino.

Durante il convegno verrà presentato il Rapporto della Fondazione dal titolo “I nuovi laureati. La Rifoma del 3+2 alla prova del mercato del Lavoro”.
I risultati che sono stati raccolti costituiranno un’interessante base di ragionamento e riflessione per un giusto inserimento dei giovani nel mercato del lavoro.

Interverranno all’iniziativa, dopo i saluti del Preside della Facoltà di Giurisprudenza Lucio de Giovanni e del Presidente dell’Asmef Salvo Iavarone, Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli di Torino, Armando Cesaro Presidente Nazionale Studenti per le libertà, Pietro Smarrazzo Consigliere CNSU, l’ordinario di Storia del Diritto Italiano Aurelio Cernigliaro, l’Assessore alla Pubblica Istruzione Anna Maria Palmieri, il Vicepresidente della Provincia di Napoli Gennaro Ferrara e Guido Trombetti, Assessore all’Università ed alla Ricerca della Regione Campania.
Modera il dibattito Alessandro Sansoni, presidente MODAVI, Federazione Provinciale Napoli Onlus.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ingegneria in rosa, 25 laureande in Bosch

Next Article

Università, al centro delle polemiche la consultazione on line del Miur

Related Posts
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".