Riammessi a Medicina gli studenti esclusi anche se idonei

Circa centro studenti sono stati riammessi dal Consiglio di Stato ai corsi di Medicina e Odontoiatria, dopo essere stati esclusi pur avendo ottenuto il punteggio minimo per superare i test di ingresso.
L’ordinanza di natura cautelare riguarda per lo più giovani provenienti dalle province di Caserta e Napoli e ribalta la decisione del Tar Lazio, che aveva respinto il ricorso degli studenti.
Il ricorso accolto dal Consiglio di Stato era stato presentato dall’avvocato casertano Pasquale Marotta, che aveva contestato l’esclusione sulla base dell’insufficienza dei posti rispetto al fabbisogno reale. A sostegno degli argomenti del legale, anche l’aumento dei posti per il prossimo anno accademico, 2019/2020, portati a 1600.
Gli esclusi erano risultati idonei ma non si erano potuti iscrivere ai corsi di laurea per esaurimento dei posti nei vari Atenei. Il giudizio di merito sulla loro vicenda, riporta l’Ansa, arriverà nei primi mesi del 2020, quando ormai molti dei ricorrenti si sarà immatricolato, permettendo loro di frequentare anche se la decisione del Consiglio di stato non dovesse essere favorevole.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fiat Lavora con noi: selezioni in corso

Next Article

Rai Lavora con noi: Concorsi e Bandi

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.