Renzi lancia il Servizio Civile Universale: opportunità per 100.000 giovani

servizio civile

Costruire un nuovo welfare partecipativo, valorizzare il potenziale di crescita e occupazione dell’economia sociale, premiare con incentivi e strumenti di sostegno i comportamenti “donativi o comunque prosociali” di cittadini e imprese”: Matteo Renzi lancia il servizio civile universale per 100mila giovani all’anno. La proposta è arrivata direttamente via Twitter dal Presidente del Consiglio: “Come promesso a Lucca un mese fa presentiamo il testo che verrà discusso tra un mese alla Camera”.

Il ddl delega sarà in Consiglio del Ministri il prossimo 27 giugno, ma tutti possono contribuire inviando le proprie idee e le proposte: una sorta di costituente online, cui anche i cittadini possono partecipare.

“Esiste un’Italia generosa – si legge nel documento ufficiale sul sito del premier Renzi – e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E’ l’Italia del volontariato, della cooperazione sociale, dell’associazionismo no-­profit, delle fondazioni e delle imprese sociali. Lo chiamano terzo settore, ma in realtà è il primo”.

“Noi crediamo – si legge ancora – che profit e non profit possano oggi declinarsi in modo nuovo e complementare per rafforzare i diritti di cittadinanza attraverso la costruzione di reti solidali nelle quali lo Stato, le Regioni e i Comuni e le diverse associazioni e organizzazioni del terzo settore collaborino in modo sistematico per elevare i livelli di  protezione sociale, combattere le vecchie e nuove forme di esclusione e consentire a tutti i    cittadini di sviluppare le proprie potenzialità.

La novità di maggiore interesse riguarda il servizio civile, che Renzi descrive come una vera e propria “leva per la difesa della patria”, che coinvolgerà 100mila giovani all’anno nel primo triennio, della durata di 8 mesi prorogabili di 4, al quale potranno partecipare anche gli stranieri. Il servizio sarà aperto per tutti i giovani dai 18 ai 29 anni “che desiderino confrontarsi con l’impegno civile, per la formazione di una coscienza pubblica e civica”.

servizio civile

Il governo, infine, si propone di “dare stabilità e ampliare le forme di sostegno economico, pubblico e privato, degli enti del terzo settore, assicurando la trasparenza, eliminando contraddizioni e ambiguità e fugando i rischi di elusione”.

Su tutte le proposte, come anticipato, ogni cittadino potrà dare il suo contributo: per inviare le idee e suggerimenti, è possibile scrivere all’indirizzo [email protected]

La consultazione sarà aperta dal 13 maggio al 13 giugno. Nelle due settimane successive il Governo predisporrà il disegno di legge delega che sarà approvato dal Consiglio dei Ministri il giorno 27 giugno 2014.

Ecco il testo ufficiale proposto dal governo Renzi

 

LEGGI ANCHE: Garanzia Giovani, parte il piano del Governo: “Coinvolti oltre un milione di ragazzi, ecco come trovare lavoro”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Prove Invalsi - Gli studenti boicottano il test in aula: "Ci penalizzano"

Next Article

Ricercatori e imprese si incontrano grazie alla Borsa della ricerca

Related Posts