Recovery plan, per l’Istruzione sono previsti 28,49 miliardi

Il Consiglio dei ministri sul tema è fissato per questa sera, martedì, alle ore 21.30

Più risorse sono previste per l’istruzione e la digitalizzazione. La prima passata da 27,91 28,49 miliardi, la seconda da 45,86 46,18  miliardi. Sono le cifre in aumento sulla nuova bozza del Piano nazionale di rilancio e resilienza che accompagnerà le voci di spesa dei fondi che l’Europa ha destinato all’Italia per affrontare la crisi pandemica.

La bozza di 172 pagine è stata consegnata ieri al Preisdente del Consiglio, Giuseppe Conte, dal ministro dell’Economia Gualtieri. “Abbiamo consegnato al presidente la nuova bozza del Recovery Plan. In oltre  pagine sono esposte le strategie, i progetti, le risorse per far ripartire l’Italia. Ora nel Governo, in Parlamento e nel Paese si apre la fase di analisi, miglioramento, decisione”, ha annunciato il ministro sui social.

Una nota della presidenza del Consiglio conferma che “è stata appena inviata a tutti i ministri, come da impegni assunti nel corso dell’ultimo incontro, la nuova bozza del Recovery Plan, rielaborata all’esito del confronto con le forze di maggioranza sulla base delle varie osservazioni critiche da queste formulate”. A questo punto il Consiglio dei ministri sul tema è fissato per questa sera, martedì, alle ore 21.30.

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) dell’esecutivo prevede quasi 20 miliardi di risorse per la sanità (19,72 miliardi). Il primo capitolo di spesa resta però quello destinato alla rivoluzione verde e alla transizione ecologica con 68,9 miliardi. Questo quanto si legge nella tabella di sintesi della bozza del documento. Per quanto riguarda gli altri settori, sono previsti 46,18 miliardi per la digitalizzazione, l’innovazione, la competitività e la cultura. Alle infrastrutture e alla mobilità sostenibile dovrebbe invece andare 31,98 miliardi. Per l’istruzione e la ricerca sono previsti 28,46 miliardi. E ancora, 21,28 miliardi per l’inclusione e la coesione, per un totale di 222,9 miliardi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Azzolina interviene all’insediamento del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione: “Lavorare uniti per il bene della scuola”

Next Article

Fondazione Human Technopole, 5 milioni di euro per giovani ricercatori. La convenzione con MUR, MEF e Ministero della Salute

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".