Rai Lavora con noi: Concorsi e Bandi

Periodicamente la Radiotelevisione Italiana cerca personale per assunzioni presso le proprie sedi. Le selezioni vengono effettuate, generalmente, mediante concorsi per titoli ed esami. Al momento, ad esempio, è attivo un concorso Rai per 90 Giornalisti. I candidati selezionati saranno assunti mediante iniziale contratto a tempo determinato, con possibilità di inserimento a tempo indeterminato. Di seguito vi presentiamo i bandi attivi in questo periodo e come partecipare ai concorsi Rai. Vi diamo anche informazioni utili sulle carriere in azienda.
In questo periodo è attivo un bando Rai per Giornalisti Professionisti, da impiegare in qualità di Redattori presso le redazioni giornalistiche delle sedi aziendali situate in diverse regioni e province autonome sul territorio nazionale. Al termine della procedura concorsuale sono previste 90 assunzioniRai, da effettuare inizialmente con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, finalizzato alla successiva assunzione a tempo indeterminato in caso di positivo inserimento in azienda.
I posti di lavoro da coprire sono così distribuiti, in base alle regioni e province autonome presso le cui redazioni giornalistiche saranno inseriti i candidati assunti:

  • n. 2 posti in Abruzzo;
  • n. 10 posti in Basilicata;
  • n. 5 posti a Bolzano – Redazione di lingua italiana;
  • n. 10 posti in Calabria;
  • n. 7 posti in Campania;
  • n. 3 posti in Friuli Venezia Giulia – Redazione di lingua italiana;
  • n. 5 posti in Liguria;
  • n. 5 posti nelle Marche;
  • n. 7 posti in Molise;
  • n. 2 posti in Piemonte;
  • n. 7 posti in Puglia;
  • n. 5 posti in Sardegna;
  • n. 5 posti in Sicilia;
  • n. 4 posti a Trento;
  • n. 4 posti in Umbria;
  • n. 9 posti in Valle d’Aosta.

E’ possibile candidarsi per una sola regione o provincia autonoma.
Possono partecipare alla selezione per le assunzioni in Rai i candidati in possesso dei seguenti requisiti:
– essere cittadini italiani o dell’Unione Europea, oppure di Paesi non appartenenti all’UE regolarmente soggiornanti in Italia;
– iscrizione all’Albo dei Giornalisti elenco Professionisti;
– non essere stati licenziati dalla Rai Radiotelevisione Italiana SpA o da altre società del Gruppo Rai per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo;
– non essersi candidati per due o più regioni/ provincie autonome.
Le domande di partecipazione devono essere presentate entro le ore 12.00 del 28 ottobre 2019, nelle seguenti modalità:
– registrandosi al sito www.lavoraconnoi.rai.it e/o login effettuando le proprie credenziali;
– cliccando su ‘SELEZIONE GIORNALISTI PROFESSIONISTI 2019’;
– compilando il form online;
– confermando l’adesione alla selezione;
– verificando di aver ricevuto il messaggio mail di conferma dell’avvenuta acquisizione della candidatura, inviato in automatico dal sistema, attraverso l’indirizzo di posta elettronica [email protected], alla casella di posta elettronica dei candidati.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università: 3 settembre test a medicina, 68 mila candidati

Next Article

Istituto Nazionale Geofisica Vulcanologia: concorsi per Collaboratori

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.