Proteste, polemiche e ricorsi: quando a sbagliare non sono gli studenti

Test-Medicina

Proteste, polemiche e possibilità di ricorsi. Non è la prima volta che il consorzio Cineca inciampa in errori, più o meno grossolani. Quello che è accaduto nel concorso nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione è solo l’ultimo degli episodi.

Nel settembre dell’anno scorso, ad esempio, arrivò l’ammissione di aver sbagliato i quiz per l’accesso ai corsi di laurea delle Professioni Sanitarie a Parma, invertendo i quesiti previsti con quelli di Scienze Motorie. Nell’occasione 1.312 studenti furono costretti a ripetere la prova.

Episodio simile si è verificato a Pavia, dove in 1.5000 videro annullare le prove, ancora una volta per un’anomalia nelle domande per l’accesso alle facoltà di professioni sanitarie. In questo caso, però, la società responsabile era la Intersistemi spa. Ancora una volta gli aspiranti studenti furono costretti a ripetere il tutto.

Gli errori hanno toccato anche la Capitale, dove ad essere invertiti, questa volta, furono i questionari tra le facoltà di Psicologia e quelle di Biologia dell’Università la Sapienza.

Nell’ultimo anno, poi, sono numerosi gli errori e gli episodi che hanno caratterizzato, ad esempio, il test di medicina: il mancato rispetto dell’anonimato ha dato il là per i ricorsi di migliaia di ragazzi a Palermo, Messina e Bari. Le sentenze del Tar e del Consiglio di Stato hanno ammesso più di 5.000 studenti ai corsi di Medicina. E negli Atenei è già caos spazi.

Cineca è un consorzio costituito nel 1969 ed è formato da 69 Università italiane, 2 enti di ricerca nazionali e dal MIUR.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Istruzione, l'8 novembre manifestazione in piazza dei lavoratori di scuola, università, ricerca

Next Article

Specializzazioni Mediche, il ministro: "Test salvi, nessuna ripetizione"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".