Premio L’Oreal: sul podio il talento delle donne

image004.gifimage004.gif
image004.gifVerranno assegnate cinque borse di studio a giovani ricercatrici italiane
È stato pubblicato il nuovo bando del premio “L’Oréal Italia Per le Donne e la Scienza”, promosso da L’Oréal Italia in collaborazione con la Commissione Nazionale italiana per l’Unesco, per sostenere e incoraggiare le giovani donne che contribuiscono al progresso scientifico.
“Per il settimo anno consecutivo L’Oréal Italia ha deciso di sostenere e aiutare giovani studentesse promettenti nello sviluppo della loro carriera. Crediamo nel talento delle donne che contribuiscono sempre più alle conquiste scientifiche che stanno trasformando il mondo –ha dichiarato Giorgina Gallo, Presidente e Amministratore delegato L’Oréal Italia – I successi ottenuti dalle vincitrici delle precedenti edizioni e il numero di domande crescente di anno in anno sono per noi motivo di grande orgoglio e ci spingono ad impegnarci ulteriormente assicurando che le donne che operano nel campo delle scienze ottengano il riconoscimento che meritano.”
Le cinque borse di studio messe in palio, del valore di 15.000 euro ciascuna, saranno assegnate a maggio 2009 alle giovani ricercatrici ritenute più meritevoli.
Il programma si inserisce nella più ampia iniziativa internazionale “L’Oréal Unesco For Women in Science” e ha dato origine a molteplici progetti destinati a sostenere le donne di scienza e a incoraggiare i progressi della conoscenza.
Per accedere al bando è richiesta la residenza italiana, un’età inferiore ai 35 anni e un titolo di studio nell’ambito delle scienze della vita e della materia. Le ricercatrici devono presentare la propria candidatura entro il 12 gennaio 2009. Per visualizzare il bando completo e inviare la domanda d’ammissione occorre consultare il sito www.loreal.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Atenei, numeri che fanno riflettere

Next Article

Contratti nella GDO in Lombardia

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.