Politecnico di Milano, nuova scoperta nel campo della fisica

Nuova scoperta del Politecnico di Milano, in collaborazione con il Max Planck Institute di Stoccarda ed alcuni gruppi di ricerca del Sincrotrone Svizzero Sls, che ha svolto una ricerca sugli ossidi di rame (cuprati), materiali superconduttori ad alta temperatura. Gli scienziati del Politecnico meneghino hanno scoperto che l’interazione magnetica tra gli atomi di rame è molto più forte di quanto sinora pensato quando questi materiali sono nello stato superconduttivo, cioè quando la resistenza al passaggio di corrente elettrica è nulla.

“Dal momento che i cuprati sono gli unici superconduttori ad alta temperatura critica (+ di 77 kelvin), questa scoperta – spiega il Politecnico di Milano – rappresenta un risultato di grande interesse generale nel campo della fisica dei solidi e, in prospettiva, della scienza dei materiali perché permetterà di progettare in laboratorio nuovi materiali superconduttori”.

Lo studio, pubblicato su Nature Physics a luglio, è stato condotto dal gruppo guidato dai professori Lucio Braicovich e Giacomo Ghiringhelli del Dipartimento di Fisica del Polimi. Esattamente 100 anni fa, nel 1911, il fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes scoprì il fenomeno della superconduttività, la proprietà di alcuni materiali di trasportare corrente elettrica senza nessuna resistenza. Molti materiali possono divenire superconduttivi, ma sempre a temperature bassissime (pochi gradi sopra allo zero assoluto di -273°C), così che l’uso pratico della superconduttività è stato sinora limitato dalla difficoltà e dal costo di raggiungere temperature così basse. E il sogno iniziale di poter trasportare l’energia elettrica su lunghe distanze a costo zero si è pian piano dissolto. Ma ora questo studio potrebbe aprire nuove prospettive.

Fonte:Adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Master su turismo e cultura

Next Article

Scrittura creativa

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".