Pisa, a 73 anni torna all'università e va in Erasmus

Passione per lo studio e tanta voglia di scoprire: sono le doti che hano portato Rosella Morbidelli, 73 anni, ex maestra elementare, ad iscriversi alla facoltà di Scienze politiche del’Università di Pisa. E la “studentessa” ha anche ottenuto una borsa di studio per l’Erasmus all’università di Corsica.
A farne l’identikit è Repubblica.it. Originaria della provincia di Arezzo, ma residente ormai da molti anni a Ceparana, in provincia di La Spezia, Rosella è stata maestra elementare dal 1964 al 2007. Nel 2000 aveva già conseguito una laurea in Pedagogia all’Università di Genova, ma la sua grande voglia di fare l’hanno spinta a iscriversi a Scienze politiche a Pisa, all’indirizzo storico-politico: “Nel 2014, dopo 54 anni insieme a mio marito, sono rimasta vedova e la mia vita è cambiata all’improvviso – racconta Rosella – L’università è stata fondamentale per reinventare la mia esistenza e mi ha permesso di coltivare quello che più mi dà piacere, la conoscenza e la cultura”.
“Conosco già la città di Corte, in più parlo la lingua francese – afferma Rosella – Questi elementi hanno in qualche modo rassicurato anche i miei due figli, che mi appoggiano e mi sostengono in questa mia nuova avventura”. All’Università di Corsica Rosella frequenterà i corsi di storia moderna, storia contemporanea e Geografia, pensando già alla tesi che dovrà poi discutere al suo rientro: uno studio sui Patti lateranensi del 1929 e la revisione del Concordato del 1984. “C’è un messaggio che vorrei trasmettere ai più giovani – conclude Rosella – La mia storia dimostra che a qualsiasi età è possibile trovare nuove strade e nuove motivazioni per dare un’altra direzione alla propria vita e che lo studio e il sapere sono due leve che possono portare lontano”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 5 luglio

Next Article

Universiadi, a rischio slittamento di un anno. De Luca: "Non sarebbe una tragedia"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".