Per Oxford il Tetris è terapeutico

tetris_big.gifPer qualcuno è stato una mania quasi inguaribile. Per altri un passatempo capace di allenare l’ingegno. Oggi gli studiosi di Oxford lo definiscono un modo per lenire i traumi. Parliamo del Tetris, il videogioco anni Ottanta che ha fatto impazzire tutti con i suoi mattoncini colorati in caduta libera.
Nato nel 1985 dall’invenzione del programmatore russo Aleksej Pažitnov mentre lavorava all’Accademia di Scienze di Mosca, il videogioco si arricchisce di linfa nuova. Una ricerca pubblicata sulla rivista Plos One condotto alla Oxford University da Emily Holmes ritiene che I mattoncini del Tetris sono così intrusivi per il cervello da riuscire persino ad indebolire la memoria del trauma.
Lo stress post-traumatico è un disturbo con un impatto fortissimo sulla qualità di vita: l’incubo peggiore di chi è reduce da un’esperienza traumatica sono i flashback, ovvero la mente che, per un semplice stimolo esterno, riporta d’improvviso davanti agli occhi l’evento traumatico, con gli stessi rumori, (per esempio spari o bombardamenti), gli stessi colori, gli stessi odori.
Gli psicologi britannici hanno mostrato dei video molto drammatici a un gruppo di volontari, “somministrando” subito dopo mezz’ora di tetris ad alcuni di loro. Nelle settimane seguenti i ricercatori hanno monitorato il numero di flashback dei volontari: coloro che avevano giocato a Tetris ne soffrivano molto meno. Certo non ritengono che il videogioco possa essere la terapia, ma lo studio può indicare la strada ai ricercatori su come agire sul cervello per evitare che ricordi traumatici si incidano indelebili al suo interno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Andu boccia i "nuovi" concorsi

Next Article

Cervelli in fuga, a volte rientrano

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"