Parla Renzi: "Dopo la riforma della scuola tocca all'Università"

“Dopo la scuola toccherà all’Università: solo così possiamo tornare ad essere il Paese in cui tutto è ancora possibile”. Il premier Matteo Renzi ha parlato al Politecnico di Torino, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico.
Tanti i temi di dibattito su cui il primo ministro italiano ha voluto dire la sua, in primo luogo il rilancio del sistema universitario: “Dalla qualità dell’Università è nata larga parte dell’innovazione del nostro Paese. Abbiamo deciso, insieme a Stefano Paleari, che questo sarà l’anno costituente per l’Università del nostro Paese L’Italia deve diventare il Paese in cui tutto è ancora possibile”.
“Bisogna ripartire dall’Università, dalla scuola e dal capitale umano – ha aggiunto Renzi. L’Italia è il Paese che più di ogni altro può vivere avvantaggiato dalle nuove dinamiche internazionali”.
Renzi si è poi soffermato sulla riforma della scuola, in dirittura d’arrivo: “Il Paese viene salvato da un gigantesco investimento dopo la catastrofe educativa degli ultimi anni. In queste ore stiamo chiudendo il pacchetto sulla scuola: dopo, poi, ci concentreremo sull’Università”.
Un accenno anche sulla questione della meritocrazia: “Ci sono Università di serie A e di serie B in Italia: è antidemocratico pensare ad un principio di uguaglianza. Le Università devono stare sul mercato” – ha detto Renzi.
In conclusione l’auspicio di una semplificazione generale del sistema: “Saremo credibili se riusciremo a rendere questo Paese migliore non solo per le Università, ma per l’intero sistema della PA. Non si può gestire l’Università come fosse un comune di 500 abitanti. L’Università è parte del rilancio di questo Paese”.
Raffaele Nappi
 

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Nuovo ISEE, gli studenti: "Pronti ad azioni legali"

Next Article

Quali sono gli Atenei di serie A e di serie B?

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.