Ora da Eataly gli studenti spendono la metà

Nuovo accordo con le università romane. Nicola Farinetti aderisce al progetto dell’amministrazione capitolina iUniversity Roma. Ogni lunedì gli studenti degli atenei romani potranno mangiare da Eataly con sconti a pranzo e a cena.

“Sebbene il diritto allo studio esuli dalle competenze dirette dell’amministrazione capitolina – dichiara Marco Siclari delegato del sindaco per i rapporti con le Università – continuiamo a lavorare allo scopo di offrire sostegni concreti agli studenti degli atenei romani.  Con la chiusura dell’accordo con Eataly, che permetterà agli universitari di usufruire ogni lunedì sia a pranzo che a cena di sconti in tutti i locali di ristorazione presenti nel nuovo centro a Ostiense, si vuole offrire un ulteriore aiuto agli studenti e alle loro famiglie, in un momento congiunturale quale quello attuale”.

“Per questo motivo voglio ringraziare Nicola Farinetti per la sensibilità dimostrata”, spiega il delegato del sindaco. “Questo accordo – precisa – si aggiunge a quelli stilati con le altre mille aziende che hanno già aderito al progetto iUniversity Roma, realizzato a costo zero per l’amministrazione capitolina e che vuole offrire servizi a prezzi agevolati per studenti, contrattisti, ricercatori. Mentre gli studenti hanno difficoltà con gli alloggi, le borse di studio e i servizi, Roma Capitale lavora per favorirli puntando sulla loro formazione. Spiace che Laziodisu, competente in materia, si dimostri sordo alle loro esigenze. E non solo, visto che da giorni tento di contattare il presidente Pecorario, senza alcun tipo di esito”.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Anch’io sono stata da Eataly ed è stata una bella esperienza (la descrivo sul mio blog lamodacomepiaceame.wordpress.com). Prodotti di alta qualità, atmosfera cosmopolita e aria di cose buone. Ottima opportunità per gli studenti.

Lascia un commento
Previous Article

Appalti truccati, al Miur arriva la finanza

Next Article

La Commissione Europea ripensa all'istruzione

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).