Ocse, incontro Fedeli-Gurria: “La Buona scuola ha restituito al sistema educativo la centralità che merita”

La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli ha incontrato questo pomeriggio, presso la sede del Miur, il Segretario Generale dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse) Angel Gurria, in visita a Roma per presentare il rapporto annuale “Economic Survey 2017” sull’Italia. La Ministra Fedeli ha apprezzato l’indagine fornita dall’Ocse, “che ci consente una lettura complessiva e una valutazione delle sfide e delle opportunità del nostro Paese” e la sottolineatura posta nel documento sul tema delle riforme strutturali.
Per quanto riguarda il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, la Ministra Fedeli ha apprezzato il fatto che il rapporto descriva “con accuratezza i principali temi de La Buona Scuola e ne evidenzi il potenziale impatto strutturale e di lungo termine”. Alcuni margini di miglioramento esistono, ha sottolineato Fedeli, “ma la riforma ha restituito al sistema educativo la centralità che merita: attraverso un’inversione di tendenza, si è investito per interrompere decenni di precariato, dare gambe all’autonomia scolastica, introdurre un sistema di responsabilità e merito, centrato sulla formazione e crescita professionale del personale”. Durante l’incontro la Ministra dell’Istruzione ha anche illustrato l’Alternanza Suola-Lavoro e il Piano Nazionale Scuola Digitale sottolineando “la necessità di rafforzare il collegamento fra il sistema educativo e il mondo del lavoro e la necessaria innovazione negli approcci metodologici per formare le cittadine e i cittadini e le lavoratrici e i lavoratori del futuro”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 15 febbraio

Next Article

Università, Fedeli: “Buon lavoro alla neo Presidente del Cun”

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.