Non è laureata. Scoppia la polemica sul neo ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli

Scoppia la polemica sui social per il titolo di studio del neo ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, non corrisponderebbe a quello dichiarato dalla senatrice

Non appena insediata a viale Trastevere e già travolta dalle polemiche. Comincia male l’avventura di Valeria Fedeli al Miur, e non per le proteste dei precari o quelle degli studenti che reclamano le borse di studio; il ministro scivola sul titolo di studio.
Una laurea dichiarata in Scienze Sociali ottenuta all’UNSAS di Milano, una scuola per assistenti sociali che non rilasciava al tempo, il titolo di laurea.
I social come al solito impietosi in casi di questo genere, accusano il neo ministro di aver dichiarato il falso e si stanno sbizzarrendo in quanto ad ironia e stigmatizzazione.
A dire il vero la squadra dei ministri del nuovo esecutivo, così come nel precedente governo Renzi è piena di ministri in dicasteri chiave che non hanno la laurea:
Giuliano Poletti al ministero del Lavoro, Beatrice Lorenzin a quello della Salute, Andrea Orlando alla Giustizia. Certamente un inquilino senza laurea al ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, fa più notizia.
Tra le new entry segnaliamo Marco Minniti scelto come ministro dell’Interno, laureato in filosofia.
Anna Finocchiaro, nominata in sostituzione di Maria Elena Boschi come ministro dei Rapporti con il Parlamento, è laureata in giurisprudenza.
Il ministro dello Sport, Luca Lotti si è laureato in scienze dell’amministrazione presso la facoltà “Cesare Alfieri” di Firenze.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Via la Giannini. Il Miur riparte dalla Fedeli per ricucire lo strappo con Scuola e Giovani

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 14 dicembre

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.