Nobel per l’economia a tre prof universitari: Fama, Hansen, Shiller

nobel economia

Nobel per l’economia Assegnati i premi Nobel per l’economia a tre docenti delle Università di Chicago e Yale. Il riconoscimento da otto milioni di corone (circa 900.000 euro) è stato assegnato ai tre scienziati per l’analisi empirica dei prezzi di azioni e bond e la valutazione del rischio.

Fama, professore di Finanza alla Booth School of Business dell’Università di Chicago, dimostrò a partire dagli anni Sessanta assieme ai suoi collaboratori “che i prezzi delle azioni sono estremamente difficili da anticipare nel breve termine, e che le nuove informazioni vengono velocemente incorporate” con un profondo impatto sulla ricerca e sulle pratiche di mercato, come nel caso dei fondi indicizzati.

Shiller, attualmente professore di Economia a Yale, agli inizi degli anni Ottanta dimostrò invece che nel lungo termine esiste una tendenza costante a riequilibrare il rapporto fra prezzo di un titolo e dividendo.

Hansen, anch’egli professore alla Chicago Booth, ha sviluppato una teoria per testare “le teorie razionali nel dare un prezzo agli assets” e in particolare il fatto che la remunerazione futura è vista dai mercati come “una compensazione per gli assets rischiosi”.

Il premio per l’economia, ufficialmente chiamato Premio Sveriges Riksbank in Scienze economiche in memoria di Alfred Nobel, viene assegnato dal 1968 e non fa parte del gruppo originario di riconoscimenti voluti da Nobel nel 1895.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lidl assume 1000 nuovi addetti entro la fine dell'anno

Next Article

"Truccate le foto delle cellule". Il Professore universitario sotto accusa

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.