Nicolais alla presidenza del Cnr

È il napoletano ingegnere chimico Luigi Nicolais il nuovo presidente del Cnr. Ministro della Funzione pubblica e dell’innovazione nel secondo governo Prodi, Nicolais oltre ad essere deputato del PD è direttore dell’Istituto per la tecnologia dei materiali compositi del Cnr e professore ordinario di Tecnologie dei Polimeri nella facoltà di Ingegneria dell’università Federico II di Napoli.

È il napoletano ingegnere chimico Luigi Nicolais il nuovo presidente del Cnr. Ministro della Funzione pubblica e dell’innovazione nel secondo governo Prodi, Nicolais oltre ad essere deputato del PD è direttore dell’Istituto per la tecnologia dei materiali compositi del Cnr e professore ordinario di Tecnologie dei Polimeri nella facoltà di Ingegneria dell’università Federico II di Napoli.

La nomina da parte del Ministro Profumo è avvenuta proprio dalla stessa rosa di nominativi da cui lo stesso Profumo era stato designato dalla Gelimini. La sua carriera, iniziata proprio nel Cnr come ricercatore, prosegue alla Federico II di Napoli dove è professore emerito di Tecnologia dei Polimeri e di Scienza e Tecnologia dei Materiali. Ha ricoperto la presidenza del cdl in Ingegneria dei materiali e del dottorato di ricerca in Biomateriali. È stato anche componente del Senato accademico e presidente del Polo delle scienze e delle tecnologie.

Autore di ben 18 brevetti vanta anche una carriera internazionale. Negli Stati Uniti è stato professore aggiunto nel dipartimento di Ingegneria Chimica presso l’università di Washington a Seattle e presso l’Istituto di Scienze dei materiali dell’università del Connecticut.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Palermo, ecco il verbale elettronico

Next Article

Profumo: più stranieri negli atenei italiani

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.