Nasce a Roma "Universitari della Libertà"

Universitari della Libertà Roma”, questo è il nome dell’associazione che si candida ad essere prototipo del movimento giovanile universitario unitario di Giovane Italia. Ad annunciarne la nascita, Michelangelo Chinni, senatore accademico dell’università degli studi Roma Tre, eletto nella lista Progetto Roma.
“Alla luce dei risultati delle elezioni universitarie di Siena, tenutesi la settimana scorsa, dove i due movimenti associativi universitari di riferimento del Popolo della Libertà hanno presentato liste separate, insieme alla stragrande maggioranza degli eletti negli atenei romani provenienti dal movimento giovanile di Forza Italia, abbiamo deciso di dar vita ad una nuova associazione che sia di riferimento del movimento unitario giovanile del partito”.
“Questa associazione risponderà politicamente alla cabina di regia nazionale di Giovane Italia, e ci auguriamo che tanti amici replichino la nostra iniziativa aprendo nuove associazioni cittadine e di ateneo in tutta il Paese. In un momento storico, dove anche gli ambienti accademici di centro-sinistra stanno apprezzando e condividendo il Ddl Gelmini sul riordino dell’università, è paradossale continuare ad essere separati in casa. Tra qualche giorno convocheremo una conferenza stampa – conclude Chinni – per annunciare il manifesto culturale e l’organizzazione interna della struttura”.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Al traguardo dello sviluppo e delle centrali nucleari c’è solo una cosa:
    LA CATASTROFE! Il futuro dell’umanità stà nel controllo delle nascite,
    ma non credo che questo stupido animale, riuscirà a capirlo in tempo.

Lascia un commento
Previous Article

Censis, alta formazione contro la crisi

Next Article

Costa Crociere assume e vi porta a bordo

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".