Multilinguismo per una società competitiva

Massimo Vedovelli - Rettore Università per Stranieri di Siena

Parlare l’inglese? un problema per 8 italiani su dieci. Appena il 20 per cento può sostenere una conversazione. Solo spagnoli e portoghesi peggio di noi. è quanto emerge dai dati forniti da Eurobarometro. Un quadro che la dice lunga sui limiti dei nostri ragazzi e sulla difficoltà nel trovare lavoro, visto che ogni attività professionale è in qualche modo attraversata e legata alla conoscenza della lingua inglese. Dell’importanza dello studio delle lingue e dell’utilità dell’esperienza all’estero, ne abbiamo parlato con il prof. Massimo Vedovelli, Rettore dell’Università per stranieri di Siena

Guarda l’intervista a Massimo Vedovelli

“Studiare bene la nostra lingua e almeno la lingua Inglese, ci dà maggiori possibilità di aprirci al confronto, mediante un dialogo consapevole. Se siamo in piena crisi è anche perché non abbiamo la capacità di confrontarci con gli altri”. L’’unica via d’uscita è puntare sull’università affinché formi una classe dirigente, preparata al dialogo”.

“Per fortuna nella nostra Università esiste un grande fermento culturale, la convivenza di studenti italiani e stranieri consente un apporto di identità, di cultura, di lingue e di sistemi simbolici che arricchisce tutti noi”- prosegue il Rettore.

Ricordiamo che Siena è la città che rappresenta l’essenza della cultura e della civiltà italiana nel mondo, e che l’Università per Stranieri di Siena ha ereditato questa tradizione plurisecolare di insegnamento della lingua italiana, facendo propria la missione della diffusione della lingua e della cultura italiana e, al tempo stesso, aprendosi alle lingue e alle culture degli altri.

Siena possiede il profilo culturale adeguato  per assurgere a polo di eccellenza nel campo dello studio, ricerca e mobilità internazionale, indirizzato verso un presente-futuro, focalizzato sulla conoscenza, come strumento di progresso e di crescita culturale ed imprenditoriale. Ci auguriamo, in particolare quella giovanile.


Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Istruzione e creatività per tutti in Europa

Next Article

Museo del Giocattolo di Napoli

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.