Maturità 2014 – Tracce prima prova: Un intervento di Renzo Piano per il tema di ordine generale

renzo-piano il rammendo delle periferie prima prova maturità 2014

Continuano a trapelare gli argomenti delle tracce proposte agli studenti alle prese con la prima prova dell’esame di maturità 2014: per il tema di carattere generale, i ragazzi si sarebbero trovati davanti un articolo scritto da Renzo Piano (“Il rammedo delle periferie”) e pubblicato sul quotidiano Il Sole 24 Ore lo scorso 26 Gennaio.

Ecco uno stralcio che ben chiarisce la tematica trattata dal noto architetto: “Siamo un Paese straordinario e bellissimo, ma allo stesso tempo molto fragile. È fragile il paesaggio e sono fragili le città, in particolare le periferie dove nessuno ha speso tempo e denaro per far manutenzione. Ma sono proprio le periferie la città del futuro, quella dove si concentra l’energia umana e quella che lasceremo in eredità ai nostri figli. C’è bisogno di una gigantesca opera di rammendo e ci vogliono delle idee. […] Le periferie sono la città del futuro, non fotogeniche d’accordo, anzi spesso un deserto o un dormitorio, ma ricche di umanità e quindi il destino delle città sono le periferie. […] Spesso alla parola “periferia” si associa il termine degrado. Mi chiedo: questo vogliamo lasciare in eredità? Le periferie sono la grande scommessa urbana dei prossimi decenni. Diventeranno o no pezzi di città?”.

Renzo Piano è uno dei più famosi architetti al mondo; progettista, tra gli altri, del Centre Georges Pompidou a Parigi. Dal 30 Agosto 2013 è anche senatore a vita. Ricevuta l’onorificenza, Piano ha dichiarato di voler devolvere l’emolumento che avrebbe percepito come senatore a vita per finanziare progetti di giovani architetti.

 

LEGGI ANCHE: Prima prova maturità 2014: per l’analisi del testo c’è una poesia di Salvatore Quasimodo

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

QUASIMODO - Ride la gazza, nera sugli aranci. Poetica e vita del premio nobel per la letteratura

Next Article

Giannini: "Premi al merito per i docenti. Medicina, stop ai ridicoli test"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident