Maturità 2014, ci siamo: il MIUR pubblica i dati delle commissioni esterne

maturità

Maturità 2014, oramai ci siamo. Il Ministero dell’istruzione ha pubblicato online i nomi dei commissari esterni per i maturandi: le liste, finalmente rese note agli studenti, sono disponibili all’indirizzo www.trampi.istruzione.it/EsamiStato/startMotoreEsamiStato.do. 

Il MIUR ha, insomma, rispettato la parola data, pubblicando entro il 3 giugno le liste con le commissioni. Su Twitter non sono mancate domande e specifiche richieste da parte di alcuni maturandi, cui il MIUR ha dato risposta con celerità.

Ed è partita, poi, la fibrillazione tra gli studenti che si apprestano a sostenere la prova di Maturità. Alcuni si sono organizzati in una serie di gruppi sui social network, con lo scopo di confrontarsi sui nomi dei professori esterni e delle commissioni, per capire che metodo di interrogazione prediligono e per sapere in anteprima le tipologie di domande che di solito fanno ai propri studenti. Insomma, si fa di tutto per non arrivare impreparati in sede d’esame.

Con la pubblicazione delle commissioni oramai ci avviciniamo al momento della verità: gli studenti saranno immersi nei ripassi finali, tra tesine e prima prova, tra la preparazione dell’orale e una rispolverata al programma dell’ultimo anno. E un occhio, sempre, agli argomenti più discussi. Perché arrivare preparati il giorno della maturità è fondamentale.

RN

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alternanza scuola-lavoro, il commento degli studenti: "Inaccettabile, bloccheremo ogni singola scuola"

Next Article

Panatta e Pietrangeli ospiti dell'Università Roma Tre

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".