L’Università Bicocca premia gli studenti meritevoli: fino a 500 euro per chi ha la media alta

bicocca premia gli studenti meritevoli

L’Università di Milano Bicocca premia gli studenti meritevoli. Da oggi superare gli esami con voti alti e nei tempi previsti avrà anche un riscontro economico: l’Ateneo milanese,infatti, ha deciso di introdurre dal prossimo a.a. il Credito di merito: un bonus di 125 euro (che possono diventare fino a 500 per ogni annualità) da assegnare agli studenti che abbiano completato il percorso didattico annuale con una media voti di almeno 27/30.

Come funziona? I ragazzi che, al termine dell’annualità, avranno superato tutti gli esami con una media di 27/30 si vedranno accreditare 1 credito di merito (pari a 125 euro) sul loro badge che potranno spendere per ottenere uno sconto sulla tassa di iscrizione all’anno successivo o a un master, in aggiunta alla borsa Erasmus, per libri o corsi di lingua o per rimborsi sugli abbonamenti al trasporto locale. Chi ottiene la media del 28 ottiene 2 crediti (250 euro), 3 crediti (375 euro) per chi raggiunge la media del 29 e 4 crediti di merito (500 euro tondi) a chi riesce a ottenere il massimo dei voti.

Stessa procedura per premiare le tesi di laurea: chi si laurea con una votazione pari o superiore a 109 hanno diritto a 4 crediti, pari alla somma di 500 euro, 250 euro, ovvero 4 crediti, per i laureati con la votazione tra 105 e 108.

Dall’Università Bicocca hanno precisato che l’iniziativa è rivolta a tutti gli iscritti, senza esclusioni di reddito: potranno accedere ai premi sia i ragazzi meno abbienti che quelli pià agiati.

“L’obiettivo è incoraggiare i giovani a entrare nei tempi giusti e al meglio nel mondo del lavoro – ha commentato il Rettore Cristina Messa – ma credo sia anche un contributo per restituire all’impegno e alla qualità il senso positivo che meritano”.

Nel frattempo l’Ateneo ha anche deciso di tagliare la spesa dei test di accesso per i corsi a numero programmato: la quota passa da cinquanta a dieci euro, “e alcuni test si potranno sostenere anche in remoto, senza doversi presentare in ateneo, quindi consentendo un ulteriore risparmio per le famiglie e gli studenti – ha aggiunto il Rettore – Si vuole favorire la possibilità di partecipare a più test considerato che il numero programmato tenderà a diventare la modalità di accesso prevalente.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur: via libera all'assunzione di 4.447 docenti di sostegno

Next Article

Università La Sapienza: gli studenti piantano canapa: "Liberalizziamo le droghe leggere"

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".