Liuc, nasce il network degli ex-studenti

c0035642-1801x2700.jpgIl legame tra università e mondo del lavoro si fa sempre più stretto. L’Associazione dei laureati dell’Università Carlo Cattaneo – Liuc, denominata Liuc Alumni, ha creato un network per conferire ai laureati Liuc maggiore visibilità e prestigio. Nata lo scorso luglio, l’associazione è formata da ex studenti appartenenti alle tre facoltà di Economia, Giurisprudenza ed Ingegneria, tutti occupati presso primarie società multinazionali.
L’obiettivo è quello di facilitare le relazioni tra i laureati Liuc, il settore pubblico e il sistema economico aziendale.
“E’ significativo – ha affermato il rettore della Liuc, il professor Andrea Taroni – che l’associazione nasca ora che l’università ha raggiunto una massa critica di circa 6.000 laureati nelle tre facoltà: Liuc Alumni rappresenta efficacemente una delle caratteristiche dell’ateneo, che è quella di curare il senso di appartenenza tra i ragazzi, che ora si potrà tradurre anche dopo il conseguimento della laurea”.
Il rettore, inoltre, ha sottolineato l’importanza di un’associazione che raccoglie i laureati anche ai fini di un ulteriore rafforzamento dei rapporti con il territorio, del quale la Liuc “contribuisce a formare buona parte della classe dirigente”.
Liuc Alumni è stata lanciata ufficialmente con un Gala presso il Golf Club Le Robinie, che ha registrato un notevole successo: “Nella serata – hanno spiegato i laureati Francesca Rinni e Marco Scansetti – abbiamo raccolto le primissime iscrizioni e a pochi giorni dall’apertura contiamo già circa 100 soci attivi. Lo scopo che ci poniamo è quello di essere riconosciuti ed apprezzati tanto quanto le associazioni di laureati delle altre università, favorite da un retaggio storico più importante del nostro, e di riuscire ad offrire un servizio ed un supporto concreto a tutti i soci”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Regali di Natale con lentezza

Next Article

Censis: "Da rifare 8 atenei su 10"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".