L'ICT tra formazione e ricerca in Abruzzo

mirror.JPGSarà un luogo di incontro e di lavoro, aperto a tutti i protagonisti del mondo della formazione e della ricerca e del tessuto produttivo regionale ICT, con l’obiettivo di rilanciare il settore delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione in Abruzzo. Uno strumento di indirizzo e di supporto progettuale che si rivolgerà alla leadership politica abruzzese, per contribuire a disegnare le future policy a sostegno della ricerca e della imprenditorialità in ambito ICT.
È la proposta lanciata al workshop internazionale “ICT Innovation – L’Abruzzo del Futuro e le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione”, che si è svolto lunedì 24 novembre all’Aquila, presso il Centro Congressi “Luigi Zordan”. Un evento pubblico promosso da Fondazione MIRROR e Fondazione Alma Mater dell’Università di Bologna, in collaborazione con Università degli Studi dell’Aquila e Fondazione Università degli Studi dell’Aquila che, grazie al successo riscosso, si inserisce tra gli appuntamenti europei di riferimento per l’ICT, passando il testimone al più importante evento a livello globale “ICT 2008: it’s to the future”, in programma a Lione e promosso dalla Direzione Generale Information Society and Media della Commissione Europea.
Alberto Sangiovanni Vincentelli – Professore presso l’Università della California a Berkeley, ha coordinato gli interventi del workshop, aperto dai saluti di Sergio Galbiati – Presidente della Fondazione Mirror: “Per costruire una catena del valore delle ICT in Abruzzo è indispensabile rafforzare il legame tra formazione e ricerca, grandi realtà industriali e piccole e medie imprese, per condividere idee progettuali, sapere e saper fare” – “In questa catena la leadership politica ha il dovere di svolgere una funzione di coordinamento e di coesione, attraverso scelte politiche capaci di sostenere la neo-impresa, la formazione e la ricerca”. La parola è poi passata al professor Giuseppe Cappiello che, riportando l’esperienza della Fondazione Alma Mater in Emilia Romagna ha parlato dell’importanza della sinergia tra MIRROR e Alma Mater per proporre anche in Abruzzo un metodo efficace a sostegno alle imprese innovative. La professoressa Paola Inverardi, preside della Facoltà di Scienze, ha portato i saluti del Magnifico Rettore Di Orio, sottolineando la qualità dell’attività di ricerca in ambito ICT dell’Università degli studi dell’Aquila.
Tra i protagonisti del workshop gli esponenti di alcune tra le realtà di maggior successo a livello europeo nella ricerca e nella generazione di business in ambito ICT come Carlo Fischione, dell’ACCESS Linnaeus Centre presso il KTH di Stoccolma, Renata Guarneri, del Consorzio Create-Net della Provincia Autonoma di Trento e Miguel Angel Lagunas, del CTTC – Centro Tecnologico delle Telecomunicazioni della Catalogna ha sottolineato: “Il nostro Governo regionale crede molto nel rapporto tra ricerca e opportunità di business, il 35% delle risorse umane impiegate in R&D sono di formazione ingegneristica, questa caratteristica fa si che la ricerca del CTTC possa facilmente essere trasferita alle applicazioni industriali, riducendo la distanza tra laboratorio e fase applicativa”.
Al quadro europeo sulle ICT ha fatto da sponda l’indagine di mercato regionale ICT Innovation, presentata da Claudia Battello e Martina Montauti. Realizzata da Fondazione MIRROR e Fondazione Alma Mater l’indagine ha coinvolto circa 70 soggetti pubblici e privati, inclusi gli atenei regionali e i maggiori centri di ricerca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca viziata dal clientelismo

Next Article

L'Accademia di Napoli inaugura la mostra "NINa"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".