Esercito di volontari per “Puliamo il Mondo”

Giornata di apertura di “Puliamo il mondo” iniziativa di Legambiente per una città pulita e vivibile

“Grazie per aver scelto Napoli. Si riparte se c’è l’esempio di persone con buon senso” queste le parole del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris nella giornata di apertura di “Puliamo il mondo” iniziativa storica di Legambiente che vedrà i cittadini partenopei attivi in interventi di pulizia in diverse zone della città.

L’iniziativa è promossa dall’Assessorato all’Ambiente, in collaborazione con le Municipalità, Legambiente e con le associazioni volontarie Clean Up e Friarielli Ribelli per sensibilizzare i cittadini ad una maggiore coscienza ecologica.

Per una settimana sono in programma interventi di pulizia in diverse zone di Napoli, da San Giovanni a Teduccio a Fuorigrotta, da Scampia ai Quartieri Spagnoli, fino a Capodimonte. Il volontariato ambientale fortunatamente “contagia” sempre più la popolazione che desidera una città più vivibile e si impegna nella sua cura e pulizia come ha sottolineato il Sindaco: “abbiamo un esercito di volontari, l’intera città è pronta a contribuire per il porta a porta perché il popolo crede in questa sfida”. Una sfida che appartiene a tutti e per la quale – come ha affermato de Magistris – non possono esistere divisioni ideologiche e polemiche strumentali.

Per partecipare attivamente agli appuntamenti in programma dal 16 al 24 settembre clicca qui per i contatti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Supporto di gestione in Renault

Next Article

Promossi o bocciati? Arriva la pagella degli insegnanti

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.