LA STORIA – La rinascita di Giuseppe: prende la laurea in carcere con 88/110

laurea in carcere

Giuseppe Stefano Mollace ha 47 anni e ieri si è laureato al Polo Penitenziari di Dozza, a Bologna. Giuseppe è diventato dottore con una tesi dal titolo “Carcere, diritti e risocializzazione”, con l’ausilio del Professor Massimo Pavarini, docente di diritto penale presso l’Alma Mater.

Giuseppe è solo uno dei tanti detenuti che cercano di ricominciare, partendo da una laurea dietro le sbarre. Tra i compagni di cella era chiamato “Occhialini”, l’appellativo che lo inquadrava quando era esponente di spicco della cosca Cordi di Locri. Fu arrestato nel 2006, dopo oltre un anno di latitanza. La DDA di Reggio Calabria aveva emesso un’ordinanza di custodia cautelare per reati legati al traffico di droga.

Una volta in carcere, però, Giuseppe si è messo a studiare su impulso e sostegno del direttore. E così ha raggiunto l’ambito traguardo: laurea quinquennale in Giurisprudenza, con votazione 88 su 110.

“Era talmente emozionato che all’inizio non riusciva nemmeno a parlare – racconta al Corriere della Sera Laura Luchetta, volontaria di Ausilio per la Cultura. Dopo anni vedere tanta gente del mondo di fuori è un’emozione fortissima”.

Dal 2000 il Polo Penitenziario di Dozza ha stretto un importante accordo con l’Ateneo bolognese, che permette ai detenuti di iscriversi ai corsi di laurea senza pagare le tasse universitarie. E l’idea sembra davvero apprezzata: sono tanti, infatti, gli iscritti ai corsi di Lettere, Giurisprudenza, Agraria.

Non è la prima esperienza simile in un carcere. Sono tanti i progetti che coinvolgono i detenuti: come al carcere “Pittalis” di Nuchis, in Sardegna, dove sono 16 coloro che aspirano a una laurea in Giurisprudenza e Scienze Politiche.

Giuseppe Stefano Mollace dovrà scontare ancora altri 10 anni di pena. Ma la sua sfida l’ha vinta. Come a dire, nonostante il sovraffollamento e le condizioni davvero precarie di molte carceri italiane, c’è ancora tempo per sperare. E per laurearsi.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Grande festa all'Università Suor Orsola Benincasa con il giudice Giuseppe Tesauro

Next Article

Graduatorie medicina, il commento degli studenti: "Continuiamo con i ricorsi"

Related Posts
Leggi di più

L’archivio storico di Milva donato all’università di Bologna. La figlia: “Questo il luogo ideale per conservare la sua arte”

Sottoscritto ieri l'accordo di donazione che concede tutto il materiale artistico appartenuto alla celebre cantante italiana dalle voce inconfondibile e dalla chioma rossa all'Alma Mater. Il rettore Molari: "Ci impegneremo a a valorizzare il lascito e a renderlo fruibile per tutti gli scopi didattici e di ricerca".