La Rassegna Stampa di mercoledì 8 aprile

E’ ancora una volta #labuonascuola la notizia principale sui quotidiani di questa mattina. Si parla di riforma, si parla del ruolo dei dirigenti scolastici, si dà spazio alle critiche da parte dei sindacati.
Nello specifico, Avvenire si concentra su un possibile caso “esodati” anche per i professori della scuola.
Il Messaggero, nella sezione Cronaca di Roma, si occupa dei 6 milioni di euro per i professori di religione che, inizialmente, erano stati esclusi dal programma di riforma.
La Stampa racconta dei 14 studenti che erano stati sospesi per atteggiamenti gravissimi durante la gita scolastica, che oggi torneranno a sedere tra i banchi di scuola.
Ma ancora: il progetto che porta i nonni davanti le scuole, le prove antisismiche per la prima volta fatte dagli studenti all’Università Federico II di Napoli, un’indagine sulle biblioteche universitarie italiane e un commento su La Buona Università, una possibile riforma da parte del governo Renzi anche per quanto riguarda il sistema universitario nazionale.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 8 aprile

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Expo 2015: biglietti ridotti a 10 euro per gli studenti universitari

Next Article

Censis: le 10 migliori università in ambito umanistico

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.