La rassegna stampa di mercoledì 13 gennaio

Rolls of newspapers.

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
La Stampa – L’eccesso di televisione da ragazzi spegnerà il cervello da adulti – La preoccupazione di ogni genitore, da oggi, è supportata anche dalle ricerche scientifiche: l’eccesso di esposizione a media passivi, come in particolare la televisione, causa un indebolimento delle capacità cognitive in età adulta.
La Repubblica – Anche san Raffaele Humanitas e Besta nella partita dopo Expo – Aumentano i concorrenti nella corsa che porterà alla nuova destinazione dell’area Expo a Milano, ma il progetto dell’Università Statale rimane quello più accreditato.
Il Giorno – Biologo a processo per 750 topi da laboratorio uccisi – Sbarca in tribunale il caso di un ricercatore che avrebbe ucciso per asfissia tutti i topi presenti nel laboratorio del Centro di Ricerca Mario Negri Sud di Chieti a seguito della chiusura delle attività.
Corriere della Sera – Gli Uffizi aprono alla Moda: “E’ cultura” – All’inaugurazione a Firenze della storica rassegna Pitti uomo, anche il Ministro dei Beni culturali Dario Franceschini che spiega per quale ragione i luoghi d’arte devono aprire alla grande moda italiana.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Ragazzi siate gentili". Il meraviglioso discorso di George Saunders ai neolaureati

Next Article

Formazione artistica, coreutica e musicale: boom di iscrizioni nei corsi universitari

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).